Tuesday, October 20, 2009
posted by ghettoculturale at 2:44 PM

Ghettoculturale cercava notizie fresche riguardo a quella che per sempre considererà come la più grande girlband di tutti i tempi ed è incappato nell'ennesimo canale tematico di Youtube in cui l'Imperscrutabile Motore Divino delle Pussycat Dolls dispensa perle di saggezza al mondo.
Ghettoculturale è rimasto in religioso silenzio, mentre ascoltava il Verbo di Robin Antin, interrogata a proposito di un presunto scioglimento delle Micette Strappone, dichiarare con la sua voce stentorea che "chiunque a parte lei dica che le Pussycat Dolls si sono sciolte, dice fregnacce".
E le ulteriori parole di Robin "I own the Pussycat Dolls" giungono alle orecchie di Ghettoculturale come una conferma, un dogma. Finalmente una certezza, in un'epoca instabile come la nostra.
E dall'ascolto di queste illuminanti parole, Ghettoculturale è venuto a conoscenza dell'ennesimo progetto imprenditoriale di quel genio del male di Robin Antin.
UN'ALTRA GIRLBAND.
Esatto. Non contenta di avere reso tutto il mondo un po' più transgender con le Pussycat Dolls, non del tutto soddisfatta di quel capolavoro di Pedo Pop delle Girlicious, Robin ha creato un altro mostro: le Paradiso Girls.



Cos'hanno di diverso da tutte le altre?
Bhè: innanzitutto queste 5 strappone sono state selezionate attraverso un complicato sistema di casting incrociati PLANETARI. Nel senso che ognuna di loro rappresenta un paese, un po' come in quei prestigiosi e utilissimi concorsi di bellezza internazionali. Sono, nell'ordine: Kelly Beckett (Barbados), Chelsea Korka (USA), Aria Cascaval (Francia), Lauren Bennett (UK) e Shar Mae Amor (Filippine).
Avete già notato una vecchia conoscenza nella band, vero?
Esatto. La seconda da sinistra nella foto altri non è se non QUELLA Chelsea, l'incompresa candidata preferita da Ghettoculturale in quell'istituzione del genere reality show che era "The Search for the Next Doll".
Che, esattamente come Asia Nitollano, sembrava destinata all'oblio totale. E invece dopo due anni eccola finalmente piazzata in un progetto musicale di tutto rispetto.
Ma Chelsea non è l'unico scarto umano da reality presente nella line-up.
Infatti Aria (la prima bionda) fino a qualche anno fa si guadagnava da vivere insegnando Yoga a Star Academy in Francia.
Lauren e Shar invece hanno partecipato a X Factor in Inghilterra.
Insomma: tutto fa brodo, nello showbiz. E se il brodo bolle nel calderone della malefica Robin, Millenaria Moira dell'Olimpo delle celebrities, il successo è assicurato.
O almeno lo è la tamarraggine, a giudicare dai video.
Gustatevi innanzitutto il loro featuring in Falling down di Space Cowboy.
E se dopo l'ascolto vi rimanessero ancora dei neuroni, procedete con la visione del loro primo singolo: Patron Tequila.
Un vero e proprio inno all'alcolismo da club, con quel tocco di finezza che solo due artisti del calibro di Eve e Lil Jon possono garantire.
Non ci resta che attendere ansiosamente l'uscita di "Crazy Horse", il loro primo album, previsto per il 2010.
Coraggio, manca poco.