Tuesday, June 30, 2009
posted by ghettoculturale at 2:40 PM

Ebbene cari amici: come ben 3 di voi hanno istantaneamente indovinato, a pronunciare la frase in questione è stata la fulgida e raffinata Jodie Marsh, la più cafona di tutte le poracce preferite di Ghettoculturale.

Non Zia Sharon Stone, non la perfida Katie Price. Non Cher, e nemmeno Corpse Spice o le Minoguettes del nostro cuore.
Né tantomeno Ferdinando dei Black Eyed Peas, la Santa Shauna o il cyborg di cera precedentemente noto come Nicole Kidman.
Ma Jodienostra.
E per celebrarla in tutta la sua bellezza, vi regaliamo un suo elegante posato.

Photobucket
 
posted by ghettoculturale at 10:14 AM

"I can’t imagine not having Botox – it’s the best thing ever. My face looks better now than when I was 23."

Secondo voi, affezionati lettori di questo blog, chi può avere rilasciato questa vibrante, sentita dichiarazione?

-Sharon Stone
-LaKylie Minogue
-LaDannii Minogue
-Nicole Kidman
-Shauna Santa Subito Sand
-Jodie Marsh
-Ferdinando, ovvero la sempre fresca Fergie dei Black Eyed Peas
-Cher
-La Sciura Madanah
-Victoria Beckham
-Katie Price

Per aiutarvi nella risoluzione di questo criptico quanto essenziale dilemma, siamo così generosi da concedervi addirittura un indizio fotografico.



Il cerchio di restringe inevitabilmente.
 
Monday, June 29, 2009
posted by ghettoculturale at 12:11 PM

Ghettoculturale si è dotato di un nuovissimo bellissimo fighissimo portatile da 3 giorni.
Questa volta ha deciso di dilapidare il premio aziendale di suo padre facendosi regalare un MacBook. Del resto 29 anni si compiono una volta sola.
Ha promesso che ne ripagherà metà in comode rate mensili senza interessi, e sta già facendo moneta in pausa pranzo.
Siccome però Ghettoculturale è nato sotto il segno dei Gemelli e non si accontenta mai di quello che ha, ha deciso di partecipare a un contest organizzato da questo blog.
In palio: LUI.
Possono partecipare tutti i tenutari di un blog che abbia all'attivo almeno 3 mesi di sproloqui. E siccome ridendo e scherzando, tra poco saranno tre anni che Ghettoculturale ammorba il web con le sue inutilità, abbiamo pensato di sfidare la sorte e provare a farci un altro regalone.
 
Thursday, June 25, 2009
posted by ghettoculturale at 6:15 PM

Photobucket


A quanto pare Jordan non è la sola a darsi alla bella vita alle Isole Baleari, tra le nostre strappone preferite.
Qui vediamo Kerrynostra scatenarsi sul bancone del Coyote Ugly, rinomato locale notturno di Marbella ispirato a quello del famoso film di dieci anni fa.
Pare che la vacanza sia stata pagata a Kerry e al marito dallo stesso fotografo che ha curato gli scatti.
Ormai siamo arrivati a questo punto di tristezza.

Labels:

 
Tuesday, June 23, 2009
posted by ghettoculturale at 9:08 AM

Photobucket
 
Friday, June 19, 2009
posted by ghettoculturale at 12:35 PM







E intanto sembra proprio che il pezzo di finocchiona con cui si fa ritrarre in questi giorni sia almeno ufficiosamente il suo nuovo carnoso randello personale.
Almeno nei momenti in cui lui è troppo ubriaco per accorgersi che lei in realtà è una donna, anche se non sembra.
 
Thursday, June 18, 2009
posted by ghettoculturale at 3:00 PM

Photobucket

Trecate (NO)
Anno 2058

In occasione della chiusura definitiva della famosa discoteca "Celebrità", un'ospite d'eccezione si è esibita sul palco del noto luogo di ritrovo notturno.
Una radiosa e sempre fresca Lady GaGa ha infuocato l'audience in delirio con un medley dei suoi pezzi più celebri, a 50 anni dalla pubblicazione del suo album di debutto, il mitico "The Fame".
Eccola ritratta durante la parte di performance in cui ha rievocato le celeberrime scene del videoclip della canzone "Poker Face", che nel 2008 le valse la consacrazione al successo planetario.
In questa esclusiva immagine vediamo la Sempiterna GaGa insieme ai coprotagonisti del famoso video, solo lievemente invecchiati, suoi fedeli compagni di vita e di tournée da oltre mezzo secolo.
 
posted by ghettoculturale at 1:04 PM



Ghettoculturale è sempre sponsor orgoglioso della musica che conta.
Se poi conta poco, Ghettoculturale ci va a nozze, lo sapete tutti.
E allora gustatevi il nuovo, allucinante singolo di una delle nostre chanteuse preferite:
la Disco Queen Fiamminga Definitiva, KATE RYAN.
Ambasciatrice Planetaria della Euro Dance più campionata, posticcia e agghiacciante. Pervasa di autoabbronzante tanto da sembrare reduce da una seduta di cromatura estrema in carrozzeria, coreograficamente imbarazzante e soprattutto PETTINATA PRATICAMENTE COME GHETTOCULTURALE STESSO.
Assaporata l'esperienza di questa perla di musica inutile e soprattutto, qualora capiate il senso di questo video, scriveteci e ci farete ritrovare il sonno perduto.
 
Wednesday, June 17, 2009
posted by ghettoculturale at 1:28 PM

Photobucket

Photobucket

Fija mia.
Già te sposi uno come Peter Andre e ci fai pure dei figli.
Poi ti fai lasciare perché ti lemoni il tuo stalliere, che per inciso ha la tua stessa passione per gli stalloni.
Poi vai in vacanza, giustamente. Dove? A Ibiza. E giustamente non ti trovi uno straccio d'uomo che sia uomo vero.
Ma a sto punto vai direttamente a Mykonos, no?
Povera Jordan.
 
Monday, June 15, 2009
posted by ghettoculturale at 10:34 AM

Photobucket

Non ci riferiamo all'oscena scelta guardarobiale della nostra chanteuse di spessore.
Anche se c'è di sicuro un problema anche dietro ad essa.
Parliamo di incidenti domestici.
Pare infatti che la babysitter di fiducia di Kerrynostra sia stata soccorsa da un'ambulanza mentre era in servizio. Motivo: avrebbe ACCIDENTALMENTE battuto la testa.
I dettagli qui.

Photobucket

Cosa sarà mai successo? La povera ragazza ha tentato di autoinfliggersi dolore, causa sovraesposizione alla follia di Kerry? O è stata sorpresa a rubare dal frigo e Kerry l'ha colpita con un oggetto contundente, magari una confezione famiglia da 50 hamburger surgelati?
Restate in ascolto.

Labels:

 
Saturday, June 13, 2009
posted by ghettoculturale at 9:58 PM

L'ascolto prolungato del CD #2 di "Doll Domination" può provocare, tra gli altri, i seguenti effetti collaterali, sperimentati di persona da chi sta scrivendo questo post:

- Dipendenza da cosmetici, in particolare dal correttore della Pupa.
- Irrefrenabile desiderio di installare un palo dal lapdance nel soggiorno di casa.
- Insonnia prolungata.
- Sonnambulismo con ancheggiamenti.
- Spasmi del collo e del capo nel tentativo di scuotere una chioma non ancora abbastanza lunga (con conseguente artrosi cervicale perenne).

Tra gli effetti positivi riscontrati, però, c'è di sicuro l'avere imparato a memoria la canzone "If I was a man", cantata in via del tutto eccezionale NON dalla divina e imperscrutabile Strappona Solista e Unica Meritevole del Successo Interplanetario Nicole Scherzinger, ma bensì da UN'ALTRA componente il gruppo: la troppo sottovalutata e relegata nelle retrovie Jessica Sutta.
Che già con un nome del genere meriterebbe, a giudizio di Ghettoculturale, una medaglia all'onore numismatico.
Non riusciamo a comprendere come la perfida Robin Antin abbia potuto lasciare che venisse inserita nell'album una traccia non cantata da Nicole.
Visto che in tutti i video delle Pussycat Dolls, le restanti Gattine Strappine sono come al solito destinate a essere delle mere figure di contorno, o tutt'al più delle ballerine di fila.
Eppure, da una rapida ricerca, abbiamo scoperto che nell'album sono presenti 4 tracce NON CANTATE da Nicole: una per ogni Gattina Restante.
La scoperta ci ha lasciati SCONVOLTI.
Per questo abbiamo deciso di condividerla con il nostro uditorio, che sappiamo essere sensibile a questioni di simile importanza.

Ebbene: Jessica Sutta SA CANTARE. Non benissimo, ma sa farlo.
E questa canzone è già entrata nell'Olimpo delle Tracce Ossessive della memory card cerebrale di Ghettoculturale, il cui ingresso è di solito riservato a canzoni sufficientemente "catchy" e poracc-trash-camp-bitchy-poppish connotate
A voi l'ascolto del capolavoro in questione, in un artigianilissimo clip caricato su YouTube da un file di PowerPoint.


E addirittua LE VIENE CONCESSO DI ESIBIRSI DA SOLA SUL PALCO, probabilmente solo quando Nicole è in pausa, con uno stuolo di circa 25 assistenti e schiavi, verso metà concerto.
Guardate un po' qui:



Jessica: sei il nuovo mito di Ghettoculturale.
Vogliamo credere che prima o poi Nicole sarà finalmente cacciata dal gruppo e che TU possa prendere il suo posto. Vogliamo credere che un giorno questo sogno possa realizzarsi.
Anche se il fatto che Robin ti abbia costretta a tingerti i capelli color mogano per ovviare in qualche modo all'assenza della Roscia Carmit (uscita dal gruppo un anno fa) ci lascia qualche dubbio in merito.
Per il resto: Pussy Power.