Tuesday, February 03, 2009
posted by ghettoculturale at 3:31 PM

Sei sempre stata la zoccoletta numero uno della scuola, dalla quarta elementare in poi?
Hai sempre avuto un gran fiuto per gli affari e ne hai sempre avuti di grossi tra le mani?
Sei fondamentalmente una castratrice di uomini e il concetto di "buon gusto" è la cosa più lontana da te che si possa immaginare?

Ragazza, il prezzo giusto è OK per te!
Puoi finalmente dimostrare al mondo quanto vali, ed essere come Katie Price, l'eroina di tutte le wannabes di tutto l'Ecumene (e sicuramente anche di qualche lontana galassia ancora sconosciuta).
Segui alla lettera i consigli del nostro richiestissimo Fashion Editor e anche tu potrai essere imprenditrice di te stessa come il genio del male più lampadato del pianeta.

Photobucket

Innanzitutto scegliti un bel nome d'arte. Katie Price ha scelto di chiamarsi Jordan senza nemmeno sapere che fosse già il nome di una nazione.
Tu puoi giocare sporco: apri a caso il Grande Atlante illustrato De Agostini, copriti gli occhi con la mano sinistra e appoggia l'indice destro sul planisfero in un punto a caso. La nazione sulla quale punterai il dito sarà quella che ti darà il nome.
Fatto?
Non dire che è uscita la Mongolia!
Riprova.
La Cina?
Riprova ancora, sarai più fortunata.
Kirghizistan?
Okay, ritenta l'ultima volta, magari cercando di evitare l'Asia.
Tonga?
Perfetto, il nome di un arcipelago dell'Oceania ti porterà di sicuro fortuna.
Sei già sulla buona strada per il successo, bellezza.
Investi i soldi che nonna ti ha regalato per il tuo diciottesimo compleanno in un bel book fotografico e mandalo a tutte le agenzie di fotomodelle del paese.
Non preoccuparti della qualità artistica delle foto.
L'importante è che siano scollacciate.
E soprattutto ricordati di spedirne qualcuna alla redazione del prestigioso settimanale di politica, attualità e cultura "Cronaca Vera".
Non fare la schizzinosa, da qualche parte bisogna pure cominciare, no?
Ora che le tue foto con il tuo completino di Yamamay fungono da ispirazione masturbatoria per tutti gli ottuagenari in overdose da Viagra dello Stivale Intiero, puoi ufficialmente definirti una star.
E' quindi giunta l'ora di rifarti le tette.
Del resto lo sanno tutti: che Jordan sarebbe senza tette?

Photobucket

Siccome nel corso della tua carriera dovrai farti e rifarti le tette almeno 4 volte, il nostro Fashion Editor ti consiglia di partire da una bella settima-ottava.
Sii aerostatica, debordante turgida femminilità.
Se Russ Meyer non fosse morto ti darebbe un ruolo da protagonista in uno dei suoi film. Ma visto che ciò non è possibile, consolati prendendoti cura dei tuoi capelli.
Procurati una fornace e piazzala nel tinello di casa, più tardi ti sarà molto utile.
Assalta la sede italiana della Stabilo-Boss e minaccia di farti esplodere le tette se non ti consegnano all'istante una fornitura a vita di evidenziatori nella classica tonalità del giallo.
Arraffa più pennarelli possibile e nasconditeli nella borsa, nelle tasche, nelle scarpe e nel reggiseno.
Buttali tutti nella fornace, alimentala per bene e fai fondere tutto. Mentre il magma si scioglie e riempie il tinello di esalazioni tossiche, recati nel primo punto vendita "Acqua e Sapone" e compra 8 fusti di acqua ossigenata.
Unisci l'acqua ossigenata agli evidenziatori fusi e fatti una neverending session di applicazioni ai capelli.
Ti consigliamo di prenderti una bella settimana di ferie.
Ora che sei bionda come Christina Aguilera e Lady GaGa fuse in unica persona e riluci come una statuetta glow in the dark della Madonna di Lourdes, puoi passare a occuparti del tuo incarnato.
Fatti una bella flebo di autoabbronzante di quello forte, e recati nella carrozzeria sotto casa.
Con quel décolleté non ti sarà difficile convincere il signor carrozziere a darti una bella mano di vernice color ocra rossa su tutto (ma proprio tutto) il corpo.
Fatto? Hai la gola secca? È normale, cara, ti sei inalata una quantità di sostanze tossiche che potrebbe uccidere anche Enzo Mirigliani.
Però guarda che carrozzeria, in ogni senso!
Sei una star.
E in quanto tale devi essere sempre al top della bellezza e dello style.
Quindi è ora di rivoluzionare in toto il tuo guardaroba. Che senso ha avere due tette grosse come due teste di cristiano se poi non le fai vedere?
Butta via tutti quei dolcevita accollati, qui maglioni sformati, tutte quelle schifezze da merceria che hai sempre indossato fino ad oggi; e vota la tua anima al pronto-moda più becero.
Pimkie, Jennyfer, Terranova, Calliope. Ma anche 012 o Prénatal.
Tutto deve essere in taglia XS, come minimo.
Occorre ripensare il concetto stesso di "abbigliamento".
Ossia: non vestirti per coprirti, ma per mettere in mostra.

Photobucket

Esponi al mondo il tuo corpo pneumatico, il tuo esuberante essere donna. "Non vuol dire riempire solo una minigonna", come insegnano le ragazze sagge. Infatti tu non solo la riempi la minigonna, ma quasi la laceri da quanto sei bbona.
Per le scarpe svaligia una bancarella di cinesi al mercato rionale. Ovviamente il tacco 12 è la partenza, più in là ti spingi, meglio è.
Esercitati a tenere i tacchi anche in casa, anche quando vai a dormire.

Ora che fisicamente sei identica in tutto e per tutto alla strappona più stakanovista di tutta l'Inghilterra Meridionale, puoi passare alla fase-attitude.
Whore is a state of mind, come sanno tutti.
E allora che aspetti a sfruttare per il giusto scopo quel bel corpicino da urlo che ti sei fatta?
È giunta l'ora di darla via.
Di darla al mondo intero, di darla a bruciaperlo.
Di darla senza pudicizia, e anche in amicizia. (cit.)
Insomma, ragazza, dalla. Ma dalla a quelli giusti. Ove "a quelli giusti" non significa per forza "ai potenziali uomini della tua vita".
Bensì "a tutti gli uomini che possano essere incasellati come RIFIUTI DA SHOWBIZ".
Quindi:
- calciatori (meglio se ex calciatori)
- cantantucoli da strapazzo
- concorrenti di talent show, meglio se minorenni
Elargiscila a tutti quanti, senza distinzioni.
Datti all'eccesso più sfrenato. Fatti fotografare ubriaca e mezza nuda in qualunque locale.
E ora... oh! Non sarà che tra una storia di una notte e l'altra ci è scappato un figlio?
Sì?
Perfetto! Una mamma single chiaccherata è quello che tutti i tabloid aspettano! Brava, continua così.
Partecipa ad un reality show estremo (ti consigliamo "La Talpa") e addocchia un possibile marito tra i partecipanti.
Se è un ex cantante famoso è quello che fa per te. Se poi è anche gay sei davvero a cavallo.
Sposalo con la cerimonia più kitsch che mente umana possa concepire. Il rosa deve obnubilare la mente dei presenti e permanere nell'aria nei secoli dei secoli.
Compra la più pacchiana e pretestuosa tenuta di campagna che tu riesca a trovare sul mercato immobiliare (tanto con questa crisi i prezzi delle case sono polverizzati, lo sanno tutti).
Riempila di televisori al plasma, vasche idromassaggio e letti rotondi.
Certo che costa mantenere una casa così, eh? Soprattutto quando hai un marito che non fa nulla dalla mattina alla sera e hai appena sparato fuori un altro figlio.
E poi ti è toccato ridurti le tette perché stavi diventando gobba.
Guarda qui che razza di scoperto hai sul conto in banca... devi trovare una soluzione.
Semplice: svenditi.
No, non nel senso di ricominciare a darla via, ma nel senso di diventare tu stessa una merce di scambio, un articolo in vendita.
Insomma: fai della tua vita un reality show.
Fatti riprendere mentre fai qualunque cosa. Dall'amniocentesi alla fila alla posta. Fatti riprendere anche mentre espliti le tue funzioni fisiologiche o rifletti sulle grandi domande esistenziali dell'umanità. Tanto il risultato è lo stesso.
Le telecamere di E! Entertainment non aspettano altro.
Vedrai che la mercificazione della tua vita privata rimetterà in sesto le tue finanze.
Ora che sei in pari con la banca, però, è giunta l'ora di cominciare a guadagnare davvero qualcosa.
Buttati sulla letteratura di consumo.
Non importa se a scuola non hai mai raggiunto la sufficienza in italiano e i tuoi temi venivano usati dai bidelli per lucidare le finestre.
Il bello di essere una celebrity che scrive libri è che puoi tranquillamente essere un'illetterata e mettere il tuo nome sulle copertine di un libro che è stato in realtà scritto da un ghost-writer.
Attenzione, però: deve essere un ghostwriter particolarmente versatile.
Deve saper spaziare, in tono e stile, dai romanzi porno-rosa per casalinghe frustrate ai libri illustrati per bambini al di sotto dei 4 anni.



Se ne trovi uno veramente bravo puoi addirittura rischiare di trovarti in lizza per qualche premio letterario a fianco di gente come Patricia Cornwell e JK Rowling pur non avendo MAI scritto mezza pagina di un libro.
Mica male, eh?
Ora non sei solo una bellissima modella ricca sfondata, non sei solo un'icona di stile, non sei solo una madre in carriera: sei anche un'intellettuale.
Ti manca solo una cosa, anzi due.
Prima di tutto sforna un altro figlio, possibilmente femmina, e dalle un nome improbabile ai limiti della denuncia. Qualcosa tipo "Princess Tiaamii" o giù di lì.
Possiamo suggerire "Reginetta Gwaaneeh" o "Marchesina Strixy".

Photobucket

E poi datti al merchandising più estremo.
Cosa c'è di più autocelebrativo e spocchioso di una bella linea di prodotti con il tuo nome?
E nell'imbarazzo della scelta, fai come Jordan: invadi qualunque ramo del mercato con il tuo nome, la tua faccia e le tue tette, nel segno del rosa.
Qui una lista di oggetti di merchandising che devi PER FORZA lanciare:

- Profumi (almeno due)
- Biancheria intima
- Biancheria per la casa
- Costumi da bagno
- Pigiami
- Bigiotteria orrenda per ragazzine che hanno appena avuto il menarca
- DVD di Fitness con consigli di bellezza
- Prodotti per la cura dei capelli (piastre, arricciacapelli, etc etc)
- Candele, incensi, pot-pourri et similia
- Trucchi, smalti, unghie finte, extensions
- Mangimi per cani, gatti, pesci rossi, criceti e cavalli
- Brugole e minutaglie da ferramenta
- Termofusori nucleari
- Nani da giardino
- Concimi per palme OGM rosa shocking
... e via sulle ali della fantasia. La mercificazione non ha limiti, puoi davvero mettere il tuo nome su qualunque cosa ti passi per la testa.

Hai visto? È stato facile.
Con il solo potere di un paio di protesi al silicone e la vernice da carrozzeria giusta sei diventata miliardaria.
Che ne diresti di intraprendere la carriera politica ora?

Photobucket

Labels:

 
1 Comments:


At February 03, 2009 7:58 PM, Blogger Niky Rocks

accidenti, vedi che succede a usare la cartina stradale di roma?
tua
Zagarola