Sunday, November 30, 2008
posted by ghettoculturale at 11:16 PM

Photobucket

Sei completamente scevra da qualunque tipo di talento?
C'è solo una cosa che sai fare, e non è niente che si possa svolgere in pubblico a meno che non si voglia incorrere in sanzioni di varia natura?
Niente paura. Lo showbiz mondiale non ha mai chiuso le sue porte in faccia alla gente come te.
Avanti, c'è posto.
Oggi il nostro fashion-editor è riuscito a ritagliare qualche minuto di tempo nella sua fittissima agenda per dispensare preziosissimi consigli di style, glamour e filosofia di vita SOLO per soddisfare la tua curiosità e la tua malsana voglia di emulazione.

-Hai appena compiuto i tuoi primi 60 anni? Perfetto.
Avrai pur messo da parte qualche soldo, in tutto questo tempo, no?
E non vorrai mica lasciare i soldi in eredità a qualche nipote che neppure si ricorda come ti chiami?
Cocca, i soldi sono fatti per essere spesi.
Allora rompi subito il tuo salvadanaro a forma di porco rosa-fucsia e conta tutti i soldi che hai dentro.
Come? E'ancora pieno di monete del vecchio conio e non puoi più cambiarli?
Passa al piano B e corri a rapinare una banca. Fai in fretta però, prima che la crisi si ciucci gli ultimi soldi rimasti sui conti correnti.

- Con i soldi rubati, investi nel bene più prezioso su cui tu possa mettere le mani: il tuo corpo.
Puoi dimostrarli bene quanto vuoi, ma hai sempre 60 anni.
Quindi datti alla chirurgia più spietata.
Una sola cosa non devi rifarti: le tette. Quelle non le toccare proprio. Anzi, se sono un po' abbondanti vedi di ridurtele. Una seconda-terza scarsa va benissimo.
E poi scusa, ti ricordi quella canzone che faceva "oltre alle bocce c'è di più"?
Appunto, nel tuo corpo ci sono almeno altre 400 parti distinte che puoi ritoccare oltre i limiti dell'imbarazzante, basta solo darsi da fare.

Photobucket

Comincia da una bella blefaroplastica.
Hai presente quegli animaletti che attraversano i viottoli di campagna e rimangono incantati dai fari delle macchine che li illuminano?
Ecco, tu devi allargare il diametro dei tuoi occhi fino a raggiungere orizzonti di innaturalità totale.
Devi fare in modo che i tuoi occhi urlino "Ti prego, diminuisci il tiraggio!".
Un po' come quelli della ministra Carfagna, o quelli della talentuosa cantante Katy Perry.
Insomma, tesoro, devi avere gli occhi sempre spalancati, come te lo dobbiamo dire?
E non ti preoccupare se poi non riesci più a dormire.
Per cosa sono state inventate le mascherine da notte che fanno tanto chic, altrimenti?
Ora che hai quello sguardo spiritato da invasata puoi passare alla bocca.
Innazitutto datti una rimpolpatina alle labbra, senza esagerare.
Poi scorri l'elenco telefonico di Los Angeles. Cerca il numero del dentista di Julia Roberts. Chiamalo e fatti prestare un calco dell'impronta dentale della diva di "Pretty Woman".
Hai visto che razza di denti? Non sembrano nemmeno quelli di un essere umano.
Appunto. Tu devi aspirare a quello.
Corri dal tuo dentista, fatti estirpare tutti i denti e fatti impiantare una dentatura grande almeno il doppio di quella di Julia Roberts.
Fatto? Stai una meraviglia. Come dici? Non riesci a chiudere le labbra?
Allora chiama Mondial Casa, prenota una batteria intera di pentole e passa almeno due settimane chiusa in casa a provare ad allargare la bocca abbastanza da abbracciare la circonferenza di ogni singola pentola che la compone.
Ci vuole un po' di pazienza, è vero. Ma vuoi mettere la soddisfazione di essere come Phoebe Price?
Allora zitta ed esercitati.
Ora che hai la bocca sufficientemente larga puoi passare al next level: gli zigomi.
Scendi al mercato rionale e compra due grosse peschenoci.
Okay, non è più stagione, costeranno un po', ma tanto hai fatto la tua rapina in banca, no?
Corri a casa e infilati le pesche in bocca INTERE.
Hai presente i criceti?
Ecco, tienile ciascuna in una guancia, custodiscile gelosamente come farebbe un animale con le sue uova.
E ora corri dal tuo chirurgo.
Se riesci a parlare, digli che vuoi che ti impianti per sempre le due pesche in faccia, esattamente all'altezza degli zigomi.
Ci vorrà poco, hai la bocca così larga che non gli servirà nemmeno fare dei gran tagli.

Sei già in odore di splendore totale: hai la dentatura di un equino, due gotte al posto degli zigomi e sembra che tu abbia appena visto la scena della tua morte.
A proposito: dove credi di andare con quel colorito?
Se vuoi essere come Phoebenostra devi essere assolutamente LATTEA.
Il tuo incarnato deve raggiungere un grado di pallore lunare da fare invidia a XXXtina Aguilera e a Nicola delle Girls Aloud.
Nasconditi quindi per circa 2 anni in una grotta dove non entri nemmeno un po' di luce del sole.
La tua pelle deve perdere tutto il suo colorito, quasi fino ad essere trasparente.
Passati 24 mesi sei pronta per uscire. Occhio a non scottarti, però.
Ora che hai la stessa carnagione di un proteo, ti manca solo a cosa: l'henné O.O.P.
Che sarebbe l'henné Oltre Ogni Pudore.
Nel senso che deve essere l'henné più sfacciata che sia mai stata messa in commercio.
I tuoi capelli devono avere una nuance che nemmeno l'ultima discendente indigena, purosangue e non geneticamente contaminata della regina Boudicca dei Celti potrebbe avere.
Insomma, datti l'henné più rossa che trovi al supermercato e se non basta passa alla tempera per serramenti.
Funziona sempre.
Mentre te la passi sui capelli, schizzatene un po' sul corpo, per avere le stesse lentiggini che ha la tua beniamina.

- Sei a dir poco stupenda.
Sei roscia, aristocraticamente pallida e sorridente eternamente come Phoebe Price.
Ti ci vuole il guardaroba giusto. Ma anche no.
Opta per la nudità spiattellata e non suggerita. Ma non sempre.
Mostra la mercanzia, ogni tanto.
In fondo, a che ti serve un criterio di guardaroba, quando vai in giro con una faccia del genere?

-Sezione attitude: vediamo di dare un senso a tutta la fatica che hai fatto per diventare come Phoebe.
Visto che non sai recitare, ballare, cantare e nemmeno parlare, cogli qualunque occasione di visibilità come se fosse il classico "treno da non perdere".
Anche se si tratta di portare fuori il cane.
In ogni occasione in cui metti il naso (e gli zigomi) fuori di casa, fallo come lo fanno le star.
Ogni tuo piccolo movimento deve essere una posa, un atteggiamento, un'istantanea di celebrità che deve lasciare senza fiato gli astanti. Anche se sono minerali o vegetali.
E se proprio non riesci ad apparire come una star, puoi accontentarti di risultare semplicemente come una cojona.

Photobucket


Il segreto per diventare famosi senza saper fare assolutamente nulla è questo: apparire proprio in virtù del fatto di apparire.
Sembra semplice, ma solo alcune fortunate creature al mondo ci riescono fino in fondo.
Ora che sei come la splendida, inimitabile e inspiegabilmente sovraesposta Phoebe Price, fai anche tu parte di questa ristretta quanto invidiata cerchia di persone.
E allora che aspetti? Infilati il primo straccetto che peschi nell'armadio e corri in strada.
Sorridi, atteggiati, sculetta, fingi di saper parlare qualche dialetto sconosciuto delle isole Marshall, rifai mente locale duecento volte per ricordarti se hai chiuso il gas prima di uscire, fai qualunque cosa ti passi per la testa, l'importante è che tutti ti vedano.
Se poi ti prendono in giro non crucciarti: stanno comunque parlando di te, ed è questa la prova che hai lasciato il segno.

Labels: ,

 
Thursday, November 27, 2008
posted by ghettoculturale at 2:52 PM

Photobucket

Uno dei motivi per cui Ghettoculturale ama così tanto Jordan è sicuramente il fatto che abbia riesumato Peter Andre dalle nebbie dell'oblio mediatico.
È solo grazie a Jordan che oggi Pete può contare sulla sicurezza di avere un pasto caldo e un giaciglio ove riposare le sue un tempo toniche membra.
Se non fosse stato per quel fortuito incontro tra i due sul set di "I'm a Celebrity. Get me out of here!" nel 2004, l'ex cantante di "Misterious Girl" sarebbe semplicemente uno degli innumerevoli disoccupati britannici in fila per il sussidio.
Jordan invece lo ha fatto risorgere dalle sue stesse ceneri per restituirgli il ruolo che si merita: quello del marito mantenuto.
Da quando i due si sono fidanzati per poi sposarsi, Jordan ha svolto appieno il suo compito di macchina da soldi umana, raggiungendo un livello di popolarità che sconfina ormai nel vergognoso.
E con tutti i soldi che ha fatto, ci mantiene tre figli, il marito, una reggia rosa confetto nelle campagne del Sussez e mezzo Burkina Faso.

La riconoscenza di Peter Andre nei confronti della sua bella e brava moglie è di sicuro enorme.
Quello che ci domandiamo noi è: ma Jordan, invece, cosa pensa VERAMENTE di suo marito Peter Andre?
La risposta non è mai giunta da canali ufficiali.
Ma oggi, grazie a questa foto, possiamo finalmente arrivare a comprendere la verità, e capire il grado di considerazione che Jordan nutre nei confronti del consorte.

All'uscita di uno studio televisivo londinese, un fan ha atteso Jordan per mostrarle un vero e proprio capolavoro di merchansing ripescato dal passato: il Big Jim originale di Peter Andre, che negli anni Novanta andava a ruba nei supermercati d'Oltremanica.
Lei non ha nemmeno riconosciuto le fattezze del marito nel pupazzo, e se ne è andata.

Ora potete facilmente trarre le vostre conclusioni.
 
posted by ghettoculturale at 10:31 AM

Photobucket

Kerry Katona esce di casa.
E voi direte: "E dove sta la notizia?".
Bhè, innanzitutto è notevole il fatto che abbia ancora il coraggio di farsi vedere in giro dopo la patetica apparizione agli MTV EMAs.
E poi scusate, davvero non notate niente di particolare in questa foto?
Facciamo un attimo mente locale:
La semi paresi facciale da Prozac c'è.
Il berretto in tinta con il maglione bianco che sfina tanto c'è.
Bhè, sembra tutto a posto, no?
Uff. Dobbiamo proprio dirvi tutto, allora.
Aguzzate un po' la vista verso il girovita di Kerrynostra.
Più o meno così:

Photobucket

Ecco.
Che cos'è?
Una malattia della pelle? Una reazione allergica dovuta al mischione quotidiano di Lexotan e Vodka Smirnoff?
Molto più drammaticamente, è solo uno degli effetti del liposucchione gentilmente offerto a Kerry da MTV per il suo ultimo reality "Whole Again".
Povera Kerry.
Oltre a ciò che restava della sua "carriera", ora anche la pelle del suo addome le sta sfuggendo di mano.
Bhè, almeno quelle 15mila Sterline non le ha messe di tasca sua.
Ora ci aspettiamo che MTV produca un altro reality in cui Kerry citi in giudizio il chirurgo, nonostante fosse stato pagato da MTV stessa.
Il passo successivo sarebbe un reality dove Kerry citi in giudizio MTV per averle pagato l'intervento.
Non sarebbe male, come idea.
Kerry cita MTV in giudizio, il tutto in onda proprio su MTV.
Ghettoculturale va subito a scrivere una mail al responsabile programmi di MTV per sottoporgli l'idea.

Labels:

 
Tuesday, November 25, 2008
posted by ghettoculturale at 10:49 AM

Gli altri bambini non volevano giocare con te quando eri all'asilo perché li assillavi con domande sulle loro famiglie?
Pensi che Silvia Toffanin non meriti il posto di conduttrice di Verissimo, e che dovrebbe invece tornare a mimare il playback delle canzoni del Festivalbar?
Sapevamo che prima o poi saresti capitato qui.
Eccoti una selection di gustose notizie riciclate.

La SciuraMadòna fa intravedere un briciolo di umanità per un nanosecondo, dichiarando di essere "un po' triste" per il suo divorzio.
Ma niente paura.
Ci tiene a specificare che comunque per fortuna il lavoro la tiene abbastanza occupata da non pensarci troppo.

Amy Winehouse e il marito finalmente riuniti.
E per festeggiare, cosa c'è di meglio di un bel litigio con alcool e droga e una corsa in ospedale per un collasso?

Britney può concedersi appuntamenti galanti.
Ma solo sotto la supervisione di TUTTO il suo stuolo di collaboratori. Comodo. Ma quindi metteranno ai voti i potenziali partner?

Peter Andre ce l'ha grosso e marrone.
Parola di sua moglie Jordan, imprenditrice di successo e scrittrice di libri per l'infanzia, tra le altre cose.

Prima o poi doveva succedere: I Boyzone lavorano ad un film sulla storia della loro carriera.

Il segreto di Lily Allen per sedurre i suoi uomini?
Spogliarsi e farsi trovare nuda nel letto.
E questo lo chiama un segreto?

Boy George è accusato di avere malmenato un escort.
Ragazzi, che tristezza...

E per finire:
Cliccate sulla foto che segue e stabilite chi secondo voi si è vestito peggio agli American Music Awards.
Occhio, la scelta potrebbe davvero rivelarsi difficile.



Forse Rihanna con quel vestitino tanto impetoso nei confronti dei suoi polpacci da terzino?
O XXXTina Aguilera sempre più convinta di essere Mamie Van Doren dopo il doppio cambio di sesso carpiato?
Oppure il patetico tentativo di autoconfezionamento nel cellophane di Queen Latifah?
E che dire di Kanye West appena rientrato dall'aver comprato il giornale all'edicola sotto casa?
Sappiamo che questo gioco potrebbe piacervi molto.
Per questo vi riveliamo che la galleria completa dell'evento comincia qui.
E poi non dite che non vi vogliamo bene.
 
Monday, November 24, 2008
posted by ghettoculturale at 11:33 AM

Oggi, sul blog preferito di Ghettoculturale sarà pubblicata un'imperdibile intervista.
A chi, chiederete voi?
A Kerry Katona sui suoi progetti futuri?
A Shauna Sand sui suoi amanti passati?
Alla SciuraMadòna sulla sua stronzaggine presente?
No, niente di tutto ciò, ma molto più di tutto ciò.
Sarà un'intervista esclusiva a Ghettoculturale stesso.
Ma per confondervi le idee, sarà pubblicata con il suo nome originale, quello con cui potete trovarlo su Facebook e MySpace ovvero Gofordynamite.
Chiamatela confusione, chiamatela scissione mentale.
Ghettoculturale preferisce chiamarlo bipolarismo solidale nei confronti di Kerrynostra.

Se non avete di meglio da fare, leggetela.
E se avete di meglio da fare vuol dire che non siete persone normali.
 
Saturday, November 22, 2008
posted by ghettoculturale at 12:42 PM

Stanchi della solita routine?
Avete bisogno di cambiare aria?
Allora prendete esempio dalle Sugababes, e fatevi una bella scampagnata fuori città.
Attenzione però: l'effetto ricreativo del giretto domenicale dipende molto dal mezzo di locomozione che utilizzate.
Soprattutto, assicuratevi che la carrozzeria sia a posto.
 
Friday, November 21, 2008
posted by ghettoculturale at 10:24 AM

Photobucket

A Dubai è stato appena inaugurato un super hotel extra lusso che più che un albergo sembrerebbe essere il riscatto esistenziale di un qualsiasi miliardario minidotato.
E chi poteva esprimere in modo più convincente il concetto stesso di grandeur se non la popstar in miniatura più amata da tutto il Mondo?
Esatto. Proprio LaKylie.
Per l'occasione, la Memole del Pop è stata pagata 1 milione e mezzo di Sterline (tictactictacticatac... esatto: un botto di soldi!) per cantare per un'ora e mezzo, molto probabilmente in semi-playback.
Ma come? Tutti quei soldi e non ha nemmeno voluto pagarsi uno stylist che le procurasse un outfit meno mostruoso di quella cosa che vedete nella foto?
Chi di voi riesce a riconoscere ed elencare tutti i singoli pezzi del vestito che LaKylie si è arrischiata ad indossare?
Occhio eh, perchè sono proprio tanti...

Ma la nostra chanteuse non si è accontentata di una sola mise. Del resto è una diva, lo sappiamo.
Eccola quindi sfoggiare uno straccetto di tutt'altro genere per l'After Show.

Photobucket

E qui ci sentiamo di rimangiarci tutto il male che abbiamo detto dell'obrobrio precedente.
Ma sorvolando sull'agghiaccianza del vestito tutto, vogliamo porre al mondo una questione:
COSA STA ACCADENDO AI CAPELLI DE LAKYLIE?
Nello specifico:
- Il colore: A quale roditore in particolare si è ispirata?
- La lunghezza: Se se li piastra, le arrivano alle natiche, siamo sicuri.
- QUEL MOSTRUOSO TIRABACI...

LaKylie, per carità: torna in te.
Sappiamo che hai ancora molto da dare al mondo.
Non sappiamo cosa di preciso, ma sappiamo che comunque sarebbe molto.

Labels:

 
Thursday, November 20, 2008
posted by ghettoculturale at 11:14 AM

Photobucket

Che poi di vergini non si tratta, ma se per vergini intendiamo "persone che non sono ancora state sostituite da un cyborg", il discorso fila.
Ecco la SciuraMadòna che posa ad un galà di beneficenza promosso da Gucci insieme a Frida Giannini e a Rihanna.
È sorprendente quanto la vecchia riesca a sembrare fresca, felice e giovane, pur in un momento presumibilmente difficile della sua vita (you know, il divorzio...).

Photobucket

Photobucket

Già, come al solito Ghettoculturale pecca di sensibilità.
Ora scriverà per 300mila volte sul muro dell'ufficio la frase "Devo ricordarmi che Madonna non è un essere umano."
Perché è chiaro, no?
Madonna è una creatura del male, e di male si nutre.
È ovvio che la fine del matrimonio con Guy Ritchie faccia bene al suo look, al suo incarnato, ai suoi capelli e al suo tono epidermico.
E poi, la vicinanza fisica con esseri umani al di sotto dei 40 anni di età è un toccasana per lei.
Al solo contatto della sua mano con l'abbondante fondoschiena del Primate Dal Ciuffo delle Bahamas meglio noto come Rihanna, il derma della SciuraMadòna si estende e si tonifica come nemmeno un esercito di lisosomi e nanosfere killer potrebbero fare.
Solo sfiorare l'ossuto corpo di Frida Giannini attiva un processo di osmosi intercorporale che ritonifica i muscoli delle sue gambe e al contempo rimpolpa i suoi già ipertrofici zigomi.
La condivisione dell'ossigeno di un ambiente nel quale siano presenti esseri umani più giovani di lei le fa guadagnare altri 2 anni di età al secondo.
Perché secondo voi la SciuraMadòna continua a fare concerti in giro per il mondo?
Ma per succhiare linfa vitale a tutti noi poveri stronzi nati dopo di lei, no?!
 
Tuesday, November 18, 2008
posted by ghettoculturale at 3:41 PM

Photobucket

"A' Scì... 'ndo sta'r parrucchiere mio? 'Sto 'nfame s'è nascosto, ma s'oo pijo lo rivolto come'n pedalino. M'ha brusciato n'artra vorta colla deco... li mortacci sua.
Aoh, 'do stanno gli occhiali mia? Mannaggia a me... nun ce vedo più gnènte... nun zo' ppiù la regazzina de 'na vorta..."

Pensavate che dopo l'imbarazzante rivelazione delle bende che tengono insieme le sue giunture sul palco, l'Hobbit più gay-icon dell'emisfero australe si fosse ritirato nel suo villaggio in miniatura a cacciare roditori fucsia?
Vi sbagliavate.
LaKylie sta tuttora continuando l'estenuante tourné di "X" e ad ogni tappa soffre per qualche nuovo acciacco.
E pensare che ha addirittura 10 anni in meno della SciuraMadòna!
Ma noi continuiamo a seguirla e amarla. La ameremo ancora di più quando la vedremo salire sul palco con un paio di occhiali da presbite, magari con una bella catenina in plastica trasparente.
E siamo sicuri che quel giorno non tarderà a venire.

Labels:

 
posted by ghettoculturale at 10:35 AM

Photobucket

Nel senso che tutto ciò non si commenta.
 
Monday, November 17, 2008
posted by ghettoculturale at 12:49 PM


(click to enlarge)


Susan Sarandon posa per il nuovo libro di Timothy White, che ha riunito diverse star di Hollywood truccandole e vestendole come pin up degli anni Quaranta.
E chi più di lei poteva essere adatta ad un progetto del genere? A 62 anni suonati, Susan ha decisamente fatto un patto con il diavolo, o quanto meno con Photoshop.
Un'altra leggenda di Hollywood si appresta a ripercorrere i passi di Mamie Van Doren: parrucche, silicone, dentiere e Strumento Sfumino.
 
Friday, November 14, 2008
posted by ghettoculturale at 10:05 AM


Quella che vedete NON È Amii Stewart dopo l'ultimo tiraggio estremo.
E nemmeno Patty LaBelle.
Nemmanco la prossima componente delle Pussycat Dolls.
NON È Alicia Keys che si dà al Burlesque.
E se pensate sia RuPaul, vi sbagliate di grosso.

Perché quella che vedete è Whitney Houston sulla copertina del suo nuovo album.
O almeno così vogliono farci credere i 250 fotoritoccatori della Sony che l'hanno realizzata.
Ci fa piacere constatare che sulla soglia del coma farmacologico, Whitney riesca ancora a reggersi in piedi, puntare le braccia su quello che resta dei suoi fianchi e mostrare la dentiera quanto basta per scattare una foto.
Pardon, volevamo dire che ci fa piacere che le ultime versioni di Photoshop, InDesign, Illustrator e Quark abbiano raggiunto traguardi del genere.
Ora dobbiamo solo attendere il primo ascolto per scoprire se almeno la voce sarà la sua.
Ma abbiamo qualche dubbio.
 
Wednesday, November 12, 2008
posted by ghettoculturale at 5:44 PM

Tutti sanno quanto Ghettoculturale consideri sciapa e noiosa Katy Perry.
Malvestita, dotata di brutta voce e sostanzialmente banale, anzi b-a-n-a-l-e.
Quando poi uscì il suo innominabile tormentone l'estate scorsa, Ghettoculturale si ricordò di una canzone che aveva sentito circa dieci anni orsono durante la diretta di un award show di MTV.
Tra i nominati di uno dei tanti premi (non chiedete troppo alla nostra memoria, please...) figurava anche una ragazzina che cantava un brano intitolato "I kissed the girl". Esatto, "the" e non "a".
Dieci anni dopo, è impossibile risalire all'artista che tanto tempo fa aveva già cantato di amore saffico prima ancora che Katy avesse il menarca.
Ma su Youtube, Ghettoculturale ha potuto comunque rinvenire qualcosa che stabilisce un altro precedente decisamente PIÙ INTERESSANTE della noiosissima canzoncina di Katy Perry.
E per questa perla, il mondo dovrebbe essere grato a Ghettoculturale per l'eternità.



Se qualcuno di voi sapesse qualcosa di quella ragazzina di cui parliamo nel post, non esiti a contattarci. A quel punto saremmo noi, ad essere davvero grati.
 
Tuesday, November 11, 2008
posted by ghettoculturale at 5:39 PM

Photobucket

Regola numero uno di Giralamoda: "Se sei chiatta evita il bianco."
Ma le regole sono fatte per essere infrante, le ragazze cattive lo sanno.
Se poi non sono biologicamente donna, lo sanno ancora meglio.
Chi meglio della sempre radiosa, sorridente e ultratrasgressiva Fergie potrebbe testimoniarlo?
Eccola, in tutto il suo gonfio splendore.
La sfavillante interprete di "Clumsy" si è inquartata a dovere per interpretare un ruolo in "Nine", un musical che uscirà tra poco al cinema.
Per la precisione, Fergie interpreterà una prostituta.
Niente di nuovo sul fronte Occidentale, ci viene da dire.
Però che classe, che sorriso smagliante. E che talento incontenibile!
 
Monday, November 10, 2008
posted by ghettoculturale at 4:30 PM


Kerry Katona è un’ubriacona.
E fin qui niente di nuovo, direte voi.
Invece la novità è sensazionale. Perché la nostra chanteuse di spessore preferita, quella che spadroneggia da tempo immemore nel cuore di Ghettoculturale ha ammesso pubblicamente di essere un'alcolizzata.
Ora tutto il mondo lo sa. Non che non si sapesse, ma ora è ufficiale, detto proprio dalla sua bocca.

Sull’onda di questa sincera dichiarazione, Ghettoculturale si lascia andare a veri e propri voli pindarici, e ve ne rende partecipi qui di seguito.
Vorremmo che questo gesto venisse preso come monito ed esempio da altre celebrities che si ostinano a negare l’evidenza.
Vorremmo per esempio che Pink ammettesse di essere lesbica.
O che Rihanna rivelasse finalmente il suo problema di ritenzione idrica.
E quanto sarebbe migliore il mondo, se Katy Perry svelasse la propria dipendenza dagli anal-intruder?
O se Jordan ammettesse di avere sposato un omosessuale? E se anche Katie Holmes facesse lo stesso?
Tutto questo sarebbe bellissimo. Ma non sarebbe nulla confronto ad un’ipotetica confessione autografa nella quale Madonna dichiari di essersi fatta ibernare e sostituire da un cyborg nel 1994.

E voi, amici?
Quali inconfessabili confessioni vorreste vedere pubblicate?

Labels:

 
Tuesday, November 04, 2008
posted by ghettoculturale at 10:00 PM

Photobucket

Nutri da sempre il desiderio di essere una trend setter, ma l'unico setter che conosci è quello che porti in giro per 10 euro l'ora il sabato pomeriggio?
Vuoi davvero essere un'icona di stile?
Pensa un po', sei capitata proprio sulle pagine giuste.
Ghettoculturale ha assoldato un fashion-editor che viene pagato profumatamente per dispensare preziosissimi consigli di moda, portamento e hair-styling SOLO ED ESCLUSIVAMENTE per le personalità borderline latenti come te.
Questa volta la nostra rubrica è dedicata ad una vera e propria Donna Di Classe Californiana con la P maiuscola:
la folgorante Shauna Sand.
Sei pronta?

- Innanzitutto levati dalla testa di poter andare in giro con quel colorito senza personalità.
Per essere una vera Donna Di Classe Californiana con la T maiuscola devi intraprendere un notevole lavoro di autocoscienza e tirare fuori la Fake Tan- Addicted che alberga in te.
Recati nel più vicino Solarium, possibilmente losco e con inservienti molto zoccole.
Sii gentile e fattele amiche. Basterà parlare un po' di quanto è figo l'I-Phone e discutere per 5 minuti di quanto siano fighi gli ultimi tronisti della De Filippi.
Appena hai guadagnato la loro fiducia tramortiscile con una mazza chiodata che avrai precedentemente nascosto nella tua baguette di Luis Vuitton e chiudile nello sgabuzzino.
Barricati nella doccia solare e spara la pressione al massimo.
Restaci per almeno 4 ore. Per passare il tempo, ascoltati tutta la discografia completa dei Limp Bizkit sul tuo I-Pod.

- Ora sei carbonizzata dalla lampada. Sembri Oetzi, la mummia del Tirolo.
Prima di fuggire dal solarium fai incetta di prodotti per il mantenimento dell'abbronzatura.
E soprattutto, ruba tutto l'autoabbronzante che riesci a trovare. Quello che non riesci a infilare in borsa, MANGIALO.
Recati nel primo colorificio e ordina una fornitura a vita di Vernidas. Hai presente quella vernicetta trasparente che si usava alla scuola elementare per rendere luccicanti i lavoretti che preparavi durante l'ora di Educazione all'Immagine? Ecco.
Te ne servono almeno 1000 fialette per mantenere luminoso il tuo incarnato color Terra di Siena Bruciata.

- Fatti una decolorazione casalinga dei capelli alla candeggina. Anzi, facciamo due. Ma no, tre.
Si dice che "il quattro vien da sé", no? Ecco, fattene quattro una dietro l'altra nel giro di due ore.
Vedrai che invidia farai alle tue amiche.
Accendi il microonde e regola la potenza al massimo. Infilaci dentro una pirofila di vetro piena di peperoncini di Soverato e fai andare il tutto per 30 minuti buoni.
Quando il timer suona, infila la testa nel forno dritta dritta nella pirofila, e fai in modo che le tue labbra traggano giovamento dal contatto con i peperoncini roventi e il vetro incandescente.
Fatto? Hai visto che canotti? Meglio di Nina Moric, e senza nemmeno una punta di silicone!
Passati il Vernidas anche sulla bocca.

- Fatti assumere dalla Avon come presentatrice, provati tutti i trucchi del tuo kit e dai le dimissioni.
Non lavarti mai più la faccia.
Prenota un volo per Baku (Azerbaigian) e fiondati nel primo ospedale statale. Mettiti in lista per un intervento di mastoplastica additiva. Il tuo fascino ti sarà sicuramente utile per passare davanti a tutti gli altri.
Non preoccuparti se l'intervento costa pochissimo. Il segreto è avere le tette rifatte, ma senza che si veda.
Non vorrai mica sembrare uguale a quella strappona di Pamela Anderson? Tu devi essere come Shauna, mille volte più raffinata.
Ah, un'altra cosa: di' addio anche al cibo. Concediti al massimo un po' di anfetamine o cocaina, giusto per non collassare ogni due per tre.
Anche perché ora viene la parte più bella e hai bisogno di energie per affrontarla.

Photobucket

Stai continuando a spalmarti l'autoabbronzante su tutto il corpo, vero? Ah ecco, guarda che è importante.

Ora che sei carbonizzata, lucida, labbruta, tettuta e decolorata puoi dedicarti agli abiti.

- Corri nel primo punto vendita Terranova vicino a casa tua. Chiedi alle commesse di visionare tutte le rimanenze della stagione estiva. Hai visto quanta roba orrenda? Ecco, la devi comprare tutta.
Possibilmente in taglia XXS. Tanto il diguno ha già fatto il suo effetto e sei secca come il clima del Turkmenistan.
Dritta dello stylist: non preoccuparti dell'accostamento dei colori. Concediti la gioia di un Rosa Fluo, di un giallo Stabilo-Boss, di un Arancione Abominevole. Hai già classe da vendere e puoi permetterti qualunque vestito, con la certezza che resterai sempre una Donna di Classe Californiana con la M maiuscola.
La regola principale è: niente sopra alla linea dei capezzoli e sotto quella della zona bikini. Lo styling di Shauna Sand si gioca tutto su questo sottile quanto intrigantissimo equilibrio.
Mostrati al mondo in tutto il nudo splendore della tua pelle carbonizzata.


- Finalmente la parte più interessante: LE SCARPE.
Il nostro fashion-editor sa che è da quando hai emesso i primi vagiti che aspetti di infilarti un paio di zeppe in plexi-glass.
E allora che aspetti? Corri nel primo negozio di abbigliamento e accessori per transessuali e comprati le più alte, le più scomode, le più inguardabili zeppe che esistano sul mercato.
Dal momento in cui le indosserai, sappi che non potrai mai più togliertele e sentirai il bisogno di averle addosso anche quando dormirai, quando farai immersioni nell'oceano accanto agli squali tigre e quando farai jogging sul lungomare di Malibu.
Dall'alto delle tue zeppe in plexi-glass capirai finalmente che non serve cervello per essere una Donna di Gran Classe Californiana con la Z maiuscola.
Capirai che non servono talenti o assi nella manica per stupire il mondo e conquistarlo.
Proprio come Shauna Sand, la donna più stilosa, raffinata e elegante che abbia mai illuminato lo showbiz mondiale.
Ora salta sul tuo Suv attrezzato per le traversate in solitaria della Valle della Morte e corri a prendere le bambine a scuola.
Vedrai che emozione proverai a schiacciare l'acceleratore a tavoletta con la tua zeppa trasparente!

Labels:

 
posted by ghettoculturale at 4:17 PM

Photobucket

Jordan colta in piena fase-risveglio dopo un volo di 22 ore Los Angeles- Londra.
Il genio del male preferito da Ghettoculturale ha fatto una sorpresa al marito Peter Andre, occupato a incidere il suo prossimo disco (gosh... avete letto bene!) in California.
È saltata sul primo aereo disponibile ed è andata a fargli visita. Giusto il tempo di farsi dare una ritoccatina alle extension, mangiare una cosina presso The Ivy, bere un litro di Evian e ripartire.

Secondo i tabloid, Jordan e Peter starebbero per lasciarsi.
Lui come al solito non si esprime (pare che il contratto prematriomiale glielo vieti) lei sostiene invece di avere intenzione di sfornare almeno altri 3 figli e adottarne di ulteriori.
Tutte cose per cui in fin dei conti non serve necessariamente una figura paterna.
Bastano i soldi, e Jordan ne ha tanti.
E allora, se ha tanti soldi, perché non si è comprata un pigiama meno orribile per le sue trasvolte oceaniche?
Nessuno lo saprà mai.
Quello che conta è che Jordan pubblichi presto un altro libro semi-autobiografico, perché Ghettoculturale non sa più cosa leggere la sera prima di addormentarsi.