Wednesday, January 23, 2008
posted by ghettoculturale at 10:50 AM

Photobucket

Evviva! Evviva! Le Atomic Kitten sono tornate! Ghettoculturale ha atteso questo momento più o meno dal 2004, quando le tre grazie del Pop decisero inaspettatamente di ritirarsi ciascuna nel proprio maniero a godersi i miliardi e sfornare figli a go-go.
Motivo del comeback? Forse il fatto che a furia di comprare Lamborghini per i mariti e pony per i figli, i soldi alla fine siano finiti?
Malignità, assurde malignità.
Natasha, Jenny e Liz sono tornate per fare beneficenza.
Dovete sapere che quest'anno, Liverpool è stata incoronata Capitale Europea della Cultura. In occasione di tale straordinario evento, è stato organizzato un super concertone a base di star ripescate e relitti musicali, il tutto per raccogliere grana da elargire a svariate organizzazioni benefiche della città.
Number One Project, questo il nome del concertone, intendeva richiamare l'attenzione sul fatto che moltissime canzoni approdate al numero 1 delle chart Inglesi dal 1956 a oggi fossero opera di artisti nati a Liverpool. E non stiamo parlando solo dei Beatles (infatti Paul e Ringo si sono ben guardati dal presenziare).
Consultando il sito ufficiale del progetto possiamo scorrere tutti i nomi degli artisti in questione, tra cui figurano ovviamente i Dead or Alive e Frankie goes to Hollywood.
Non commentiamo il fatto che nella lista sia stata inserita anche Melanie C, originaria non di Liverpool ma della profonda campagna del Cheshire.
E non commentiamo nemmeno il fatto che proprio con le nostre Divine Gattine la lista si chiuda, come a significare che in fondo le Atomic Kitten abbiano interrotto una gloriosa tradizione musicale.
Quello che ci preme è diffondere questa immagine scevra da Photoshop che è stata messa sul MySpace ufficiale della band, prima che venga rimossa e che l'amministratore della pagina venga sciolto nell'acido.

Photobucket

Riuscite a credere al fatto che tra la foto di apertura di questo post e quest'ultima siano trascorsi al massimo 5 anni?

-Natasha è leggermente dimagrita rispetto agli ultimi tempi, ma resta sempre vacca nell'anima, o almeno questo è ciò che ci spinge a pensare quella pancerina ultracontetitiva che le trasforma le tette in due gotte.
-Jenny: per quanto riguarda lei, di tette non ce n'è mai stata l'ombra e si sa. Ci limitiamo a dire che l'autoabbronzante non risolve i problemi di autostima. Non commentiamo capelli e smalto perchè in fondo Jenny è sempre stata la più sfortunata. Ricordiamo che è entrata nel gruppo per sostituire Kerry Katona.
-Liz. Sì, perchè quella nella foto non è Goldie Hawn struccata, bensì Liz truccatissima. Ci rimangiamo quanto detto precedentemente: la più sfigata è lei. Non ha ancora avuto un figlio, e i suoi tentativi disperati di avere successo come solista hanno avuto risultati ancora più disastrosi di quelli delle altre due. In più, ha partecipato alla massima espressione del trash nel campo dei reality show: Celebrity Love Island.

Ma quello che è importante è che le nostre Gattine siano tornate insieme, anche solo per poco.
Il 2 febbraio, chiuderanno degnamente la carriera del gruppo esibendosi al G.A.Y. di Londra. Vi immaginate uno show pirotecnico? Una masnada di fans impazziti? Un evento indimenticabile? Continuate pure ad immaginare, perchè invece il biglietto costa solo 10 sterline. Avete capito bene. Dieci.

Photobucket

Lo ripetiamo ancora una volta. Dieci Sterline.
 
3 Comments:


At January 24, 2008 9:53 AM, Anonymous Deception Point

Ma pensa!!

Natasha è uguale;
Jenny sembra la Prestigiacomo;
Liz la odierò sempre perchè si è trombata per un anno e passa Lee Ryan!

Comunque le ho sempre adorate!

 

At January 24, 2008 11:31 AM, Blogger Niky Rocks

Se riuscissero perlomeno a vendere tre biglietti, riuscirebbero a pagare il loro truccatore.

 

At January 24, 2008 4:25 PM, Anonymous vanity hair

Essendo io poco informato riguardo le Atomic Kitten, in questi giorni sto cercando di ascoltare in rete tutta la loro discografia.

Per carità Be with you, The tide is high, Ladies night, Whole again e Cradle le conoscevo già. Però (e non riesco a spiegarmelo) le avevo rimosse.

Per farmi contento dovrebbero ripubblicare il Greatest Hits, magari aggiornandolo con qualche inedito.