Thursday, January 31, 2008
posted by ghettoculturale at 10:55 AM

Lo showbiz è così pregno di notizie, da costringerci a postare un'ulteriore Rassegna Stampa.
Siamo così emozionati, che quasi andiamo in iperventilazione.
Ma ci basta dare un'occhiata all'immagine che segue per sentirci già un po' meglio:



Ebbene sì, Corpse Spice si dà alla beneficenza. E posa per una campagna di sensibilizzazione per il tumore alla pelle.
Gli organizzatori sono stati almeno abbastanza furbi da stampare le magliette in bianco e nero, altrimenti si sarebbe visto il colore della pelle di Corpse: ocra rossa. Proprio il testmonial ideale per far capire alla gente quanto siano pericolose le lampade abbronzanti.
Ma si sa, Corpse sarà sempre UVA Forever.

Se Corpse fa di tutto per apparire, c'è un'altra star del Pop che difende la propria privacy. Parliamo di Mutya Buena, che di fronte ai fotografi sfodera gli artigli. Nel vero senso della parola.
Ci pensate al fatto che con quegli arpioni, Mutya prende in braccio sua figlia?

Negli ultimi giorni, Amy Winehouse e Britney Spears fanno a gara a chi compare più spesso sui giornali.
La prima si è finalmente decisa ad entrare in Rehab, l'altra minaccia e smentisce il suicidio almeno ogni mezz'ora.
E ci sono pareri discordanti su entrambe. Mary J Blige, per esempio, sostiene che Amy Winehouse sia perfetta, nonostante il crollo costante.
LaKylie invece, dichiara che Britney dovrebbe farsi aiutare da qualcuno.
Ad entrambe le tardone in questione ci sentiamo di dire: guardatevi un po' voi, come siete messe. Una è talmente disperata da elogiare una star con evidenti problemi di tossicume solo per ottenere una collaborazione.
L'altra non sa più a chi ispirarsi per far parlare di se.

E sempre a proposito de LaKylie: è uscito il video di "In My Arms". Dateci un'occhiata e fateci sapere quali somiglianze con altri artiste riuscite a notare nel look e nello style della nostra nana Australiana preferita. È facile e divertente.
Noi abbiamo già stanato:
-Madonna (ok, ormai è un classico)
-Blondie (idem)
-Valeria Marini (e qui ci vuole una piccola standing-ovation, perchè la Kylie in salsa pecoreccio-nostrana ancora non l'avevamo vista.)
-Sheryl Crow (notevole anche in questo caso, perchè LaKylie non si era mai cimentata nello styling un po' country e depresso)
-Ivana Spagna (niente di nuovo sul fronte Australe, insomma.)
-EVA GRIMALDI. Forse la metamorfosi più interessante.

UPDATE: Grazie al prezioso contributo dell'utente NickyRocks possiamo aggiungere che LaKylie ha anche copiato se stessa ripescando un po' di immaginario da "Confide in Me" del 1994.

Tom Cruise ha donato due milioni e mezzo di dollari a Scientology.
Ok, la notizia dove sta? A noi sembra un prezzo ragionevole, in cambio di un batuffolo di tenerezza come Suri.

Forbes ha stilato la classifica delle cantanti più ricche dell'Ecumene.
Oltre a domandarci quante ne vengano pubblicate all'anno, di queste classifiche, ci chiediamo ancora una volta "la notizia dove sta?"
Madonna è sempre al primo posto, Barbarona Streisand è sempre al secondo, l'usignolo stagionato del Québec Céline Dion è sempre al terzo (anche se di lei rimane ben poco, dopo la prigionia dorata a Las Vegas)...che c'è di nuovo?


Ah...certo! Britney non compare tra le prime dieci... è stata addirittura sorpassata da quella guerrafondaia di Faith Hill e dalla sua eterna rivale X-Tina Aguilera.
Bhe, ripetiamo...la notizia dove sta?

Selma Blair è di nuovo single.
Ancora una volta dobbiamo insegnare il mestiere agli addetti stampa delle star.
Regola numero uno: mai diramare comunicazioni del genere, se la persona che vi paga non lavora da quando è uscito il seguito di "Legally Blonde".
Bisogna insegnargli tutto, a 'sti ragazzi.

Concludiamo con Cate Blanchett che viene scambiata per un tecnico di audiovisivi dal principe di Edimburgo.

Labels:

 
Monday, January 28, 2008
posted by ghettoculturale at 1:51 PM

Buona settimana a tutti gli adepti della rassegna stampa di Ghettoculturale.
Oggi possiamo con gioia annunciare che abbiamo superato il record dei 4 commenti di ospiti diversi per un singolo post.
Grazie, grazie e ancora grazie.

Perchè ciò sia il segnale di una nuova era, vi diletteremo con una rassegna stampa sul tema "Celebrità e i loro Marmocchi".

Cominciamo con la star più importante di tutte: la sempre fulgida Kerry Katona.
La nostra chanteuse di spessore ha rivelato: È un maschio! Ma soprattutto È l'ultimo!
Ebbene sì. Il pupo che Kerry ha concepito a solo due mesi dalla nascita della terza figlia sarà a quanto pare l'ultimo.
Noi di Ghettoculturale sappiamo che probabilmente non sarà così. Anche perchè negli ultimi anni la nostra star preferita ha saputo fare solo una cosa: figli. E dubitiamo che decida di riprendere in mano la propria carriera solista.

Dall'altro lato dell'Oceano Atlantico, invece Nicole Richie ha perso quei 7 etti presi durante la gravidanza in sole due settimane!
Quasi meglio di SlimFast!
Nessuno se lo aspettava. Si vocifera che il figlio venga allattato dal padre.

Angelina Jolie si butta sulle spalle il copripiumone king-size del suo talamo d'amore e i giornalisti scrivono che è incinta!

Charlotte Chruch porta a spasso sua figlia in una carrozzina da duemila sterline. Ma ciò non distoglie lo sguardo dei curiosi dal fatto che debba decidersi a dimagrire.

Loro sì che hanno classe, invece. Cate Blanchett e Halle Berry sono entrambe pregne, ma comunque hot and stylish.
Capito, Charlotte?

La notizia "out of topic" (scusate ma è talmente importante da meritare di essere inserita):
ALLARME RIENTRATO!
Puff Daddy NON CAMBIERÀ NOME PER LA SESSANTACINQUESIMA VOLTA!
C'è da augurarsi che il motivo sia il fatto che abbia deciso di ritirarsi.
Ma sappiamo che sarebbe troppo bello per essere vero.

Per oggi è tutto. (Vorremmo apprezzaste lo sforzo fatto per cercare solo ed esclusivamente notizie riguardanti gravidanze celebri. Vabbhè, a parte l'ultima.) Grazie.

Labels:

 
Thursday, January 24, 2008
posted by ghettoculturale at 10:30 AM

Birgot Nielsen poteva affrontare la menopausa con dignità.
Poteva darsi al teatro come ha fatto Jerry Hall o ritirarsi in un cottage alla periferia di Copenhagen a impastare biscotti al burro. Oppure semplicemente dedicarsi al suo ultimo marito fresco post-adolescente.
Invece negli ultimi anni, smessi i panni della strega cattiva di Fantaghirò con cui allietava le platee natalizie nostrane, si è data al reality show con tutta la dedizione con cui ha dato in giro svariate parti di se nel corso della propria carriera.
Ha girato il mondo intero prestandosi agli show più svilenti e infamanti, in una vera e propria lotta per l'autodistruzione.

Nel 2004 partecipa a "La Talpa" in Italia.

Finito di ingurgitare scarrafoni in Messico, entra nella casa del Grande Fratello VIP in Danimarca.

Prende poi parte a "The Surreal Life", una specie di Grande Fratello VIP statunitense, dove flirta con il rapper Flavor Flav.
I due ci danno dentro così tanto da spingere VH1 a produrre una nuova serie incentrata su di loro, intitolata "Strange Love", che va in onda a partire da gennaio 2005. Alla fine Birgot sceglierà di tornare tra le braccia del suo ultimo fidanzato italiano, Mattia Dessi.

Nel 2005 partecipa a "Celebrity Big Brother 3" in Inghilterra. La produzione le fa piombare in casa la sua ex suocera Jackie Stallone tre giorni dopo l'inizio dello show. Lei all'inizio non la prende molto bene, poi si impietosisce perchè la vecchia non è nemmeno capace di aprire una bottiglia di vino da sola e tutti la odiano per il suo brutto carattere.

Nel 2006 si prende una pausa, ma nel 2007 torna di nuovo negli Stati Uniti per prendere parte ad uno spin-off di The Surreal Life ambientato a Las Vegas, intitolato "The Surreal Life- The Fame Game". Il cast, in cui figurano anche Vanilla Ice e Pepa di Salt'N Pepa, è costituito esclusivamente da ex protagonisti ripescati di The Surreal Life, che nel frattempo è giunto alla settima edizione.

Poteva Birgot accontentarsi? No.
Dal 10 gennaio di quest'anno, la nostra vichinga preferita è nel cast di Celebrity Rehab, un reality in cui alcune star decadute a causa di dipendenze varie intraprendono un percorso di riabilitazione in una vera clinica. Emozionante, no?
Insieme a Birgot ci sono anche Daniel Baldwin, Seth Binzer (ex cantante dei Crazytown) e la pornostar Mary Carey.
Tutte queste star hanno problemi di dipendenza. Daniel Baldwin è un cocainomane, Seth Binzer ha rischiato l'overdose almeno una ventina di volte negli ultimi 5 anni per la sua passione per l'eroina, mentre Mary Carey...bhe...non serve che vi diciamo quale sia la dipendenza di Mary Carey. Ma Birgot? Di che cosa di fa? Da cosa si deve disintossicare? La risposta è semplice: è entrata in clinica per smetterla con i reality show.
In bocca al lupo, Birgot!

Photobucket
 
Wednesday, January 23, 2008
posted by ghettoculturale at 10:50 AM

Photobucket

Evviva! Evviva! Le Atomic Kitten sono tornate! Ghettoculturale ha atteso questo momento più o meno dal 2004, quando le tre grazie del Pop decisero inaspettatamente di ritirarsi ciascuna nel proprio maniero a godersi i miliardi e sfornare figli a go-go.
Motivo del comeback? Forse il fatto che a furia di comprare Lamborghini per i mariti e pony per i figli, i soldi alla fine siano finiti?
Malignità, assurde malignità.
Natasha, Jenny e Liz sono tornate per fare beneficenza.
Dovete sapere che quest'anno, Liverpool è stata incoronata Capitale Europea della Cultura. In occasione di tale straordinario evento, è stato organizzato un super concertone a base di star ripescate e relitti musicali, il tutto per raccogliere grana da elargire a svariate organizzazioni benefiche della città.
Number One Project, questo il nome del concertone, intendeva richiamare l'attenzione sul fatto che moltissime canzoni approdate al numero 1 delle chart Inglesi dal 1956 a oggi fossero opera di artisti nati a Liverpool. E non stiamo parlando solo dei Beatles (infatti Paul e Ringo si sono ben guardati dal presenziare).
Consultando il sito ufficiale del progetto possiamo scorrere tutti i nomi degli artisti in questione, tra cui figurano ovviamente i Dead or Alive e Frankie goes to Hollywood.
Non commentiamo il fatto che nella lista sia stata inserita anche Melanie C, originaria non di Liverpool ma della profonda campagna del Cheshire.
E non commentiamo nemmeno il fatto che proprio con le nostre Divine Gattine la lista si chiuda, come a significare che in fondo le Atomic Kitten abbiano interrotto una gloriosa tradizione musicale.
Quello che ci preme è diffondere questa immagine scevra da Photoshop che è stata messa sul MySpace ufficiale della band, prima che venga rimossa e che l'amministratore della pagina venga sciolto nell'acido.

Photobucket

Riuscite a credere al fatto che tra la foto di apertura di questo post e quest'ultima siano trascorsi al massimo 5 anni?

-Natasha è leggermente dimagrita rispetto agli ultimi tempi, ma resta sempre vacca nell'anima, o almeno questo è ciò che ci spinge a pensare quella pancerina ultracontetitiva che le trasforma le tette in due gotte.
-Jenny: per quanto riguarda lei, di tette non ce n'è mai stata l'ombra e si sa. Ci limitiamo a dire che l'autoabbronzante non risolve i problemi di autostima. Non commentiamo capelli e smalto perchè in fondo Jenny è sempre stata la più sfortunata. Ricordiamo che è entrata nel gruppo per sostituire Kerry Katona.
-Liz. Sì, perchè quella nella foto non è Goldie Hawn struccata, bensì Liz truccatissima. Ci rimangiamo quanto detto precedentemente: la più sfigata è lei. Non ha ancora avuto un figlio, e i suoi tentativi disperati di avere successo come solista hanno avuto risultati ancora più disastrosi di quelli delle altre due. In più, ha partecipato alla massima espressione del trash nel campo dei reality show: Celebrity Love Island.

Ma quello che è importante è che le nostre Gattine siano tornate insieme, anche solo per poco.
Il 2 febbraio, chiuderanno degnamente la carriera del gruppo esibendosi al G.A.Y. di Londra. Vi immaginate uno show pirotecnico? Una masnada di fans impazziti? Un evento indimenticabile? Continuate pure ad immaginare, perchè invece il biglietto costa solo 10 sterline. Avete capito bene. Dieci.

Photobucket

Lo ripetiamo ancora una volta. Dieci Sterline.
 
Tuesday, January 22, 2008
posted by ghettoculturale at 12:06 PM

Photobucket
 
Monday, January 21, 2008
posted by ghettoculturale at 12:41 PM

Hai l'occhio destro atrofizzato perchè passi ore a guardare il portone del vicino dallo spioncino? Hai fatto domanda per lavorare come portinaio del tuo palazzo perchè vuoi sapere tutto di tutti e hai una passione per la spazzatura?
La tua perversione segreta coinvolge foto scabrose di Maria Giovanna Maglie?
Allora sei pronto per la rassegna stampa di Ghettoculturale.

Continua la telenovela Amelle Berrabah. La bella e brava componente delle Sugababes è stata interrogata dalla polizia dopo che una vicina di casa l'ha denunciata per aver danneggiato la sua automobile.

Ricordiamo che il fidanzato di Amelle è ancora in ospedale dopo essere stato quasi mutilato con un machete da uno sconosciuto la vigilia di Natale. E ricordiamo anche che l'anno scorso Amelle aveva picchiato una ragazza in una discoteca alla periferia di Londra. Cos'altro? Ah, già... lo stesso fidanzato di Amelle pare abbia stuprato la sorella minore della cantante, tempo fa.
Evviva l'amore.

Kathleen Turner si sente finalmente sexy dopo tanti anni passati a combattere l'artrite.

Pierce Brosnan e sua moglie sono grassi e felici, in vacanza alle Hawaii.

Britney ha mollato il suo fidanzato paparazzo. Dopo giorni interi passati a sorridere davanti al suo obiettivo, si è resa conto che forse lui la stava sfruttando per fare un bel po' di soldi.
Beata innocenza.

Lindsay Lohan va in giro mostrando le terga (e delle mutande degne di sua nonna, oseremmo dire.)

Kerry Katona sembra essere in bancarotta. Ma la nostra diva oversize ha come al solito trovato un modo per tirarsi su di morale.
E stavolta non parliamo di droga. Ha invece pensato bene di comprare una nuova Ferrari a suo marito.
Saggia come sempre.

Anche Britney ha trovato un modo per tirarsi su di morale in questo suo ennesimo momento difficile. Come? ascoltando Amy Winehouse.

Labels:

 
Thursday, January 17, 2008
posted by ghettoculturale at 10:50 AM

LaKylie visita il Children's Hospital di Sidney.

Photobucket
 
Wednesday, January 16, 2008
posted by ghettoculturale at 1:33 PM

Complice LastFm e un periodo di notevole vuoto professionale in ufficio, Ghettoculturale inaugura una nuova rubrica per presentare al mondo alcune autentiche meraviglie del Pop ingiustamente tenute alla larga dagli occhi del grande pubblico italiano.
La prima protagonista è Marie Serneholt. Qui potete leggere qualche notizia essenziale su di lei, se ne avete voglia.
Ma se non vi va, vi basti sapere che Marie avrebbe tutte le carte in regola per sfondare anche in Italia, se in questo paese non fossimo troppo occupati a far guadagnare soldi a gente come Anna Tatangelo.
Ragioni per cui Marie merita l'attenzione dell'intero globo terracqueo:

- È bionda.
- È svedese.
- È la sintesi fisiognomica di Hillary Duff e Victoria Silvsted.
- L'orecchiabilità delle sue canzoni è disarmante.
- I suoi testi lo sono ancora di più.
- Incarna perfettamente la decadenza patinata in cui versa la discografia mainstream mondiale.

Di seguito, il video non ufficiale di "The boy I used to know", già entrata nella Top One Thousand dei pezzi preferiti dalla redazione di Ghettoculturale.

Labels:

 
Monday, January 14, 2008
posted by ghettoculturale at 3:03 PM

Magari Shinystat si sbaglia, magari ci prendiamo un po' troppo sul serio.
Ma non possiamo nascondere che, nel leggere il report di oggi, un brividino si è fatto strada lungo le nostre schiene, e lì si è fermato senza volerne sapere di andarsene.
Un po' come i brividini che colgono Mara Carfagna durante un comizio, quando deve intervenire pur non sapendo cosa dire.
La ragione del nostro brividino è presto spiegata:

Photobucket

Le spiegazioni sono due:
- O a Palazzo Chigi qualcuno non ha assolutamente nulla da fare
- O l'ufficio stampa del Governo monitora il web in cerca di dichiarazioni infamanti su Mara Carfagna e Alessandra Mussolini, uniche figure (ahinoi) assimilabili al mondo della politica che siano mai apparse su Ghettoculturale.

Abbiamo un po' paura.
Certo è che da oggi possiamo a tutti gli effetti definirci "personaggi scomodi". Il che fa veramente figo.
 
Thursday, January 10, 2008
posted by ghettoculturale at 5:56 PM

Stanco del solito gossip patinato? Stufo delle notizie che vorrebbero ma non possono?
Ecco pronta un'accurata selezione di notizie sullo show-biz internazionale.

Jordan va in albergo, non le piace la stanza e si fa spostare dalla direzione. Fin qui, tutto ok.
Durante la notte, la signora che occupa la stanza precedentemente assegnata alla pettoruta modella inglese viene svegliata da uno sconosciuto che rompe i vetri e irrompe nella camera.

Salma Hayek fa beneficenza con i pannolini.

Kelly Osbourne fa la dj, ma non è capace. La promettente pargola di cotanto padre finge di saper mettere i dischi, ma in realtà usa dei mix pre-registrati. Rivalutiamo Fernanda Lessa, a questo punto.

La madre di Eminem rivela: La salute di mio figlio mi preoccupa. Sta diventando obeso.

Kim Catrall va al mare indossando una muta da surf per nascondere la cellulite!

Amy Winehouse dichiara che bere è peggio che bucarsi. Tutto per distogliere l'attenzione del mondo dal fatto che si sia orribilmente tinta di biondo.

Labels:

 
Monday, January 07, 2008
posted by ghettoculturale at 1:43 AM

Ghettoculturale aveva praticamente promesso che si sarebbe occupato del cast della kermesse più attesa e infamata di tutto lo showbiz nostrano. E non stiamo parlando dell’ultima serata del Cantagiro. Anche se forse, dati i protagonisti, potrebbe effettivamente essere così.
Ok, rettifichiamo. Quest’anno, per ridurre le spese in questo momento di crisi petrolifera e internazionale, la Rai ha pensato di unire due delle manifestazioni artistiche più amate dal pubblico italiano: Sanremo e il Cantagiro. Bhè, che male c’è? Ha anche organizzato il tutto in modo da accontentare il pubblico nella sua totalità, in ogni sua imperscrutabile sfaccettatura.
Fabrizio Moro è stato chiamato per accontentare gli spettatori fedeli che sanno che il vincitore delle Nuove Proposte DEVE presentarsi anche l’anno successivo, anche nel caso in cui nessuno se lo sia filato di striscio nel corso di un intero anno. (Fatta eccezione per l’ormai mitica Dolcenera, che venne ingiustamente ostracizzata da Tony Renis nel 2004, per un motivo ancora sconosciuto ai più. Ovviamente noi abbiamo la verità, ma la terremo celata ancora per un po’.)
Francesco Tricarico è stato chiamato per accontentare quelli che ancora canticchiano sotto la doccia quella canzone che faceva “Puttana puttana, puttana la maestra…” e non si ricordano chi la cantasse. Ecco, ora ve lo ricordate? Possiamo farlo esibire per l’ultima volta e poi per piacere basta?
Loredana Berté. Vabbhè, qui si sa chi facciamo contenti: Asia Argento e Renato Zero, che almeno per tre o quattro sere non l’avranno incollata al telefono a tormentarli con le sue minacce di suicidio.
Max Gazzé non si sa chi l’abbia chiamato, ma pare che almeno uno dei cosiddetti cantautori italiani emergenti da almeno una quindicina d’anni debba presenziare a Sanremo ogni anno.
Toto Cutugno è stato chiamato per accontentare tutti quelli che si chiedevano se fosse morto.
Sergio Cammariere ha di sicuro un nutrito gruppo di fan. Insomma, qualcuno sarà almeno un po’ contento della sua partecipazione a Sanremo, no?!
I Finley fanno contente milioni di ragazzine. Come minimo saranno chiamati come ospiti internazionali i Tokio Hotel, tanto per far capire che anche se Pippo Baudo ha ormai 140 anni suonati, i suoi collaboratori ascoltano ogni tanto la radio e guardano Mtv.
Paolo Meneguzzi è stato chiamato per accontentare i gay svizzeri. Mario Venuti invece accontenta tutti i gay non svizzeri. Come? Ops, ma davvero non si sapeva ancora?
Mietta accontenta tutti noi, alla fin fine. Guardate in fondo al vostro cuore e scoprirete che anche voi siete un po’ più contenti, ora che sapete che canterà a Sanremo. Almeno siate un po’ contenti per lei, ne ha tanto bisogno.
Zampaglione accontenta tutti quelli che avrebbero voluto vederlo scuoiato vivo dopo la visione di quell’obbrobrio di film dove recitava Claudia Gerini. Speriamo non fallisca anche in quello che in teoria sarebbe il suo campo.
Michele Zarrillo accontenta tutti quelli che aspettano la sua solita canzone, sempre la stessa degli ultimi vent’anni. Stesso discorso vale per Little Tony, moltiplicando per tre la cifra.
Gianluca Grignani accontenta tutti quelli che credono in Sanremo perché ci vedono una buona occasione per rimettersi in gioco dopo una brutta storia di cronaca. Vai, Gianluca, sei tutti noi, però mi raccomando, regalaci ancora una cover di Vasco altrimenti non siamo contenti.
Giò Di Tonno e Lola Ponce…qui si va sul pesante… diciamo che accontentano gli zii emigrati in Argentina che tutti quanti abbiamo. Almeno per quanto riguarda lei. Lui proprio non ci ricordiamo chi sia…
L’Aura ha degli zii argentini da accontentare. È solo per questo che si presenta a Sanremo.
Eugenio Bennato accontenta l’anima di Napoli, e si sa che almeno un po’ di Napoli deve esserci, a Sanremo. Certo… se al suo posto ci fosse stata Manuela Villa, Ghettoculturale sarebbe stato più felice. Ma possiamo aspettare il prossimo anno. La nostra parte più sadica e crudele è molto contenta di vedere Frankie Hi Nrg sul palco si Sanremo. Non vediamo l’ora di assistere al suo sputtanamento finale nel nome di uno straccio di contratto per far uscire un album prima del ritiro ufficiale. E poi c’è lei, Anna Tatangelo. Che di sicuro accontenta Gigi D’Alessio e qualche migliaia di ragazzine con la passione per i coetanei in motorino e il fondotinta di mamma.
Ah, scusate, ci stavamo dimenticando di Amedeo Minghi. Che accontenta di sicuro le mamme delle stesse ragazzine che sostengono la Tatangelo. O forse, le loro nonne.
Anche quest’anno Sanremo è pedissequamente Sanremo.
 
Friday, January 04, 2008
posted by ghettoculturale at 1:56 PM



Click to enlarge, just as you always do.
 
Thursday, January 03, 2008
posted by ghettoculturale at 11:32 AM

Buon anno a tutti i visitatori recidivi ed occasionali di Ghettoculturale.
Siamo felici di cominciare un nuovo anno insieme a tutti voi. Oltretutto, trattasi anche di anno bisesto, e un giorno in più sul calendario non può che significare più notizie inutili. Più funesto di così, c'è solo Luciano Onder che vi fa gli auguri davanti al modellino di una prostata.
Ma andiamo con ordine: la prima notizia riguarda Jordan. Sul suo MySpace ufficiale, la bella e brava modella e madre coraggio ha fatto circolare un rumour riguardo ad una sua probabile partecipazione a "Desperate Housewives" nel ruolo della sorella di Edie Britt, che sarebbe la più bionda e la più stronza di tutte le protagoniste.
Siamo in attesa di conferme, ma come prima notizia dell'anno ci sembra già abbastanza per fremere dall'eccitazione.

Daryl Hanna ha avuto un'infanzia difficile. A scuola veniva derisa da tutti perchè troppo magra.
Ha sofferto tanto da avere passato anni interi in un mondo tutto suo. Praticamente una disadattata. Ma questo l'ha aiutata nella sua carriera di attrice. Poi è ingrassata, e la sua carriera è naufragata. Bhè, come si dice in questi casi : pazienza, no?

Nicole Kidman è incinta.
Qui abbiamo una domanda: ma se Tom Cruise ha proliferato con Katie Holmes e Nicole Kidman è incinta di suo marito, perchè hanno fatto credere a tutto il mondo di non poter avere figli, quando erano sposati?
Azzardiamo una risposta: con un decennio di anticipo, Nicole e Tom avevano lanciato la moda delle adozioni a Hollywood.

Lee Ryan ha aggredito un taxista.

Prima o poi doveva accadere:
David e Victoria Beckham stanno invecchiando.
Passi lui, ma possibile che questi giornalisti non abbiano ancora capito che lei non può invecchiare, perchè non è un essere umano?!

Jessica Simpson ripete il solito mantra degli ultimi due anni: "Sto per pubblicare un disco country."
La notizia è così fondata, che il link non contiene foto dell'artista in questione, bensì immagini di Britney Spears al supermercato. Tutto ciò la dice lunga sull'importanza e l'aspettativa mondiale riguardo alla bionda chanteuse texana.

Janet Jackson: "Il mio nuovo album farà nascere un sacco di bambini!"
Ci scapperebbe un'espressione colorita in merito ad una dichiarazione così fuori da ogni grazia di Dio, ma ci limiteremo a pronunciare un semplice "Mannaggia al Prozac!".

Come inizio d'anno, può bastare.

Labels: