Thursday, October 04, 2007
posted by ghettoculturale at 11:33 AM

Premessa: la puntata di ieri sera è stata una delle più noiose ed inutili delle ultime cinque stagioni del reality.
Seconda premessa: qualcuno mi vuole spiegare il senso del balletto tronco in apertura di puntata? Quella specie di danza dei due veli e mezzo, sapientemente interrotta dalla pubblicità?
È ormai una settimana che non ci dormo.
Innanzitutto, LaToya dimostra di avere a cuore l’ecologia e i grandi temi etici. Sono tre settimane che utilizza lo stesso vestito per la diretta. La prima sera era lungo, la settimana scorsa era stato accorciato al ginocchio. Ieri sera, per distrarre il pubblico dal fatto di avere ancora lo stesso vestito, ha puntato su una nuova acconciatura: niente più Farrah Fawcett, Jessica Simpson, Madonna o Amanda Lear, ma semplicemente se stessa.

Ovvero, un aborto di raccolto ammosciato e inconsistente, degno dell’ultimo salone di bellezza del peggior centro commerciale di Timisoara.
A completare l’opera, un segnalibro dell’età del bronzo appeso al collo.
Grandi novità anche tra gli opininiosti.
Sulla scia della qualità, nuova linea editoriale di Raidue, a Maria Giovanna Maglie è stata sostituita Mara Venier. Al posto di Nicoletti viene messo Edoardo Raspelli. Così si possono intavolare interessantissime discussioni sulle abitudini alimentari dei naufraghi. Argomenti su cui tutto il paese, e anche una discreta porzione dei residenti all’estero, desideravano disquisire.
Parte il primo filmatino recante il riassunto della terribile settimana vissuta sull’ultima spiaggia da Tiziana Decorato, la casalinga omicida. Sembrava dovesse mostrarcela in preda a convulsioni e contorcimenti degni di una possessione demoniaca. Sembrava dovesse ritrarla in contemplazione della natura, o dilaniata da uno stormo di albatros inferociti.
Niente di tutto ciò; Tiziana ha semplicemente paura dei granchi. Dopo sette giorni di rottura di palle, Tiziana si è stancata di elemosinare faccende domestiche ai cameraman e ai tecnici. E dopo essersi pippata una buona dose di polvere di albero della gomma, è pronta tornare a casa dalla sua famiglia, nella tanto famigerata gabbia d’oro dalla quale era fuggita.
LaToya, che si era detta molto preoccupata per Tiziana, è sollevata nel vederla ritornare a casa. Soprattutto dopo la svenevole telefonata della figlia maggiore in diretta, un vero momento di televisione intelligente, con lacrime, famiglia, madri, padri e fornelli. Che si sa, scia piacceno tanto.
LaToya e il figlio idiota dei Pooh ci avevano già regalato un dialogo memorabile la settimana scorsa. Ripercorriamolo insieme.
Facchinetti, brandendo un cucciolo di pitone: “Questo è Pippo, un cucciolo di pitone.”
LaToya: “ Bello, io ce l’ho nelle scarpe.”
Facchinetti, che a causa del ritardo del satellite non ha sentito ancora la risposta intelligente della presentatrice: “Mi raccomando, se venite in vacanza da queste parti non portateli con voi a casa. Sono una specie protetta”.
Uno scambio di battute degno di un film comico.
Ieri sera, essendo presente tra le mani di Facchinetti il padre del cucciolo di cui sopra, soprannominato Pippone, ci aspettavamo un altro sagace dialogo tra questi due totem dell’intrattenimento.
Ma LaToya si è ormai impegnata a perseguire la causa ecologista, quindi non c’è stato niente da fare.
La settimana dei vip si è svolta esattamente come LaToya sperava: all’insegna della tanto acclamata “lotta di classe”, con divisioni interne, lotte intestine e stomacali, e soprattutto differenti scuole di pensiero su come di spina il pesce.
Manuela Villa, forte di anni e anni di onesto lavoro come pizzicagnola abusiva tra i moli del porto di Napoli, sostiene che le ragazze (Rita Rusic travestita da ex poliziotta e la donna-bambù con tette rifatte-Karen) non siano capaci di spinare il pesce.
La verità è che i non famosi sono stati abituati dalla produzione a scofanarsi una scatoletta di cibo al giorno, mentre i VIP sono ormai costretti a strizzare il grasso dalle mammelle di Manuela Villa per avere un minimo di apporto calorico giornaliero.
La conservazione del fuoco e i conseguenti turni notturni per non farlo spegnere sono a loro volta motivo di litigi e promesse di vendetta sanguinaria tra VIP e mica-VIP.
Intanto, per Sandrino il bancario ogni scusa è buona per toccare, massaggiare e a volte anche dormire teneramente abbracciato con le donne.
Malgioglio si lamenta del fatto di dover usare una schiuma da barba “orrenda”, e minaccia di coprirsi il volto con un foulard per il resto dell’edizione del programma.
LaToya, che continua a non saper parlare Italiano, ci tiene a parlare delle velleità di barbiere del nostro miglior paroliere nazionale. E lo dichiara con le seguenti parole: “Voglio esautorare questo argomento con te.”
Cristiano si rende protagonista di una scena memorabile. Per vincere delle lamette da barba, sbuccia le cipolle (ortaggio che dichiaratamente odia) sulle note della sua meravigliosa “Pelame”, hit dell’anno scorso.
Da qui in avanti inizia un siparietto tra la moglie di Sandrino il bancario e Sandrino stesso. Almeno, penso si tratti della moglie, anche se non sembra esattamente la stessa persona comparsa nel video di presentazione visto durante la prima puntata.
Compare in video-colegamento da Madrid l’ex moglie dell’Uomo della Scienza. Il suo è un contributo fondamentale al programma.
Devo ammettere di essermi perso almeno dieci minuti buoni di trasmissione, essendo impegnato in una viva discussione telefonica sull’attività di stalking a cui viene sottoposta la mia coinquilina da parte del suo ex ragazzo.
Nel frattempo, scorrevano davanti ai miei occhi le immagini della prova leader, vinta trionfalmente da Coco.
Una volta attaccato il telefono, il verdetto del pubblico decreta l’esclusione di Sandrino il bancario.
Personalmente ne godo parecchio, ma l’ultima spiaggia lasciata libera da Tiziana potrebbe costituire un punto a favore per lui, in futuro.
Una prova-ricompensa che prevede una specie di gimkana tra acqua e terra viene strepitosamente vinta dal gruppo. Poi, sul più bello, Belmondo decide di palesare al pubblico la propria presenza nel cast rompendosi una clavicola.
Finora, il mio animo di telespettatore fedele si sente un po’ tradito nelle aspettative da parte di LaToya, che aveva promesso grandi emozioni e stupefacenti novità nel collegamento in coda al Tg2.
Continuo però ad avere fede.
Manuela Villa vota Canonico, perché dice di essere stata sottoposta a violenza da parte sua.
LaToya la stuzzica a spiegare se si tratti di un brutto ricordo d’infanzia, sperando che la nostra Mastina della canzone italiana si lanci in un sofferto flashback su scenari di degrado umano e famigliare, magari con un cammeo del famoso padre sullo sfondo, giusto per fare sensazione, ma niente. Manuelona nomina Canonico semplicemente perché lui le ha messo le mani addosso per scherzare, e a lei la cosa non è andata giù. Punto
L’ologramma del compianto Ivan Graziani nelle vesti di Nicola Canonico stesso, vota Rita Rusic-D’Arcy.
Miriana, dopo la gag di rito su “gira la ruota”, dimostrazione dell’originalità degli autori che scrivono il copione a LaToya, si erge a paladina di “lealtà-libertà e verità” e vota sempre Rusic-D’Arcy. Tenta di fare un discorso sul filosofico, ma le caselle del tabellone nella sua testa non sembrano essere state girate bene, e il risultato non viene recepito.
L’uomo della Scienza, in “nomination palese” come al solito, vota la Caprioglio per non danneggiare nessuno. Dopodichè si lancia in un elogio della ex moglie, dicendo che è grazie a lei se è stato risparmiato dall’uscita di scena. La verità è che ci tiene a far capire che ogni tanto va ancora con le donne, mica come Malgioglio.
Il muratore romano vota Malgioglio. Un tale affronto ad un’icona del genere non merita da parte mia alcun commento.
Malgioglio vota Miriana (se mi sbaglio ditemelo, potrei essermi appisolato un momento).
Rita Rusic e D’arcy, dopo l’abituale saluto littorio “Buonasera, Italia”, si indispettiscono con LaToya e la produzione intera per i montaggi mandati in onda, definendoli poco obiettivi.
Ormai è chiaro, hanno ambizioni da regista e vogliono sostituire Egidio Romio almeno prima della quinta puntata.
LaToya si lancia in difesa della produzione, accusando velatamente la ex poliziotta di essere una rompicoglioni.
La sua nomination mi è sinceramente sfuggita.
Karen Picozzi vota Miriana.
L’ideale di bellezza maschile incarnato in Vittorio il finanziere vota Cristiano Malgioglio, perché fa il bucato con l’acqua dolce nella pentola che gli altri usano per cucinare. Praticamente il risultato di un bisticcio tra massaie.
L’immortale Paprika di Tinto Brass, che complice la ricrescita dei baffi è sempre più simile alla famosa attrice Elsa Lancaster (vista in innumerevoli film Disney degli anni Sessanta), vota Rusic-D’Arcy.
Anche l’eroe Belmondo vota Rusic. LaToya spera che si rimetta presto dalla rottura della clavicola. Non certo perché gliene freghi qualcosa a livello umano, quanto perché le uniche riserve disponibili sono la solita Simona Tagli, Enzo Braschi e Terry Schiavo.
La nana malefica logorroica in arte Lisa Fusco vota Malgioglio, definendolo con una parola che non riesco a ripetere, ma che sembra significhi “persona abituata a tessere trame alle spalle degli altri”.
All’alba delle 23.47, LaToya si ricorda di avere un’ospite da presentare in studio, l’eliminata della settimana scorsa, Debora Salvalaggio.
Peccato che l’ospite in questione se ne fosse andata verso le 22, spazientita dalla lunga attesa.

La produzione si è però mossa per tempo e, all’annuncio della presentatrice, una figurante Moldava avvolta nel Domopak appena arrestata in una retata della polizia in una casa d’appuntamento di via Padova, ha fatto il suo ingresso in studio.
Durante l’intervista-fiume della durata di 1 minuto e 33 secondi comprensivi di mezzo minuto di clip dei momenti migliori, la figurante ha sostanzialmente detto che non è vero che è antipatica, non è vero che stava fuori dal gruppo, ma erano gli altri ad escluderla e non è vero che trattava male i compagni d'avventura.
Ha anche detto che glielo dice alla maestra.
La situazione nomination è chiara; Rusic-D’arcy-Folgore, Miriana Trevisan e Malgioglio sono in lizza il televoto.
Coco deve scegliere i due candidati. Nell’unico, misero colpo di scena della serata, sceglie di mandare in sfida Malgioglio e la Trevisan. Ovviamente nessuno sa come andrà a finire. E nessuno si spiega perché lo abbia fatto, essendo ormai in lista per una richiesta di matrimonio civile con Cristiano presso il comune di Siviglia.
Poteva mandare al televoto la poliziotta con ambizioni da regista, che anche contro una nullità come la Trevisan sarebbe stata mandata a casa, e via, una pezzente in meno. Invece no.
Su questo timido quanto inutile, minuscolo sbalzo rispetto alla normalità, si è chiusa anche la terza puntata.

Labels:

 
2 Comments:


At October 04, 2007 2:16 PM, Blogger Niky Rocks

La mia vita sociale non potrà mai andare in crisi se riesco ad andare a cena fuori il mercoledì e a poter parlare dell'isola per tutto il resto della settimana. Baciuzz

 

At October 08, 2007 9:41 PM, Anonymous Deception Point

...La Toya....

ahahahahhaahha
ahahhahahahaha

Ti adoro! ;)

Deception