Monday, October 29, 2007
posted by ghettoculturale at 12:59 PM

Anche oggi, notizie di primaria importanza per l'equilibrio mondiale.

Jordan prova ad essere raffinata (almeno una volta nella vita) posando con abiti anni Quaranta.
Però non le piace.


Corpse Spice torna alle origini.
La reunion con le altre Spice incombe?
Lei torna al suo look di 10 anni orsono.

Sempre in tema di Spice, Melanie C ha i brufoli.

Troppo poco?
Volevate altro?
Bhè, beccatevi questa, allora.

Dannii Minogue, che fa parte della giuria di X Factor, ennesimo talent-show britannico, ci riprova con una nuova canzone.
Ovviamente un pezzo dance.
Ovviamente campionando un successo dell'epoca d'oro della Disco Music.
Ovviamente abbiamo reperito il video.



Per quanto concerne le critiche, ci limiteremo a dire che Dannii avrebbe almeno potuto fingere di aver voglia di azzardare qualche passo di danza.
L'hairstyle à-la Athina Cenci ci piace molto.
Anche i costumi hanno quel tocco di latex che non guasta mai.
E poi? Tutto qui? Niente di nuovo?
Ebbene no, c'è dell'altro. Dannii nostra ha capito che tra celebrities bisogna aiutarsi.
Il look e il sound già visti e sentiti nascondono una finalità nobile: quella di convincere il mondo intero ad appoggiare l'entrata di Terry Schiavo nel cast dell'Isola dei Famosi.
Non ci piace essere monotematici, ma qui siamo di fronte a qualcosa di eclatante.
Dannii ha chiaramente preso ispirazione dal capolavoro che segue.



Stessa ambientazione, stesso mood, stessa lacerante determinazione a farsi vedere.
Oltre a ciò: stessa inquietante faccia.
Solo, Terry almeno non ha campionato alcuna canzone, mettendosi in gioco con un pezzo assolutamente inedito.
LaToya, possibile che tu non ti renda conto? Il Mondo è pronto, persino Dannii Minogue è pronta, siamo tutti pronti.
Ascoltaci, o LaToya.

Labels:

 
1 Comments:


At October 29, 2007 5:37 PM, Anonymous StefyScottyRinaldy

Terry Schiavo, dunque...

Beh, ora so che c'è chi è messo peggio di Gianni Sperti...

Preghiamo:
Ascoltaci Oh, LaToya!


Ps: Ti amo, genio del male, o meglio, dei malati...